Alfa Romeo Giulietta Sport Carbon Edition, la prova. L’ultima samurai

1069 0
1069 0

Giulietta Sport Carbon Edition, è l’ultima samurai della compatta Alfa Romeo. Auto compatta e  sportiva, nella forma e nella sostanza, che dal 2010 ha tenuto alto il vessillo del Biscione. Pur dovendo ereditate il testimone dalla bellissima e godibilissima, su strada, 147. Ne è stata degna erede.

Alfa Romeo Giulietta Sport Carbon Edition
Alfa Romeo Giulietta Sport Carbon Edition

Il suo tempo sta arrivando, il 2020 segnerà la fine della produzione di un modello emozionale. Tonale, il crossover chiamato a dare al Marchio un contributo cruciale, nuovo corso di stile, elettrificazione e numeri sul mercato, è alle porte.

Se la prodigiosa antenata era stata la “fidanzata d’Italia” all’epoca del boom economico, Giulietta contemporanea è una vettura decisamente appagante, alla vista e alla guida.

Listino Alfa Romeo Giulietta 2019

Il long test di QN Motori

Lo abbiamo verificato su una Giulietta Sport Carbon Edition, una sorta di canto del cigno.

Che in aggiunta allo speciale allestimento Sport (leggi il listino), offre di serie i fari Bi-Xenon con AFS nuovi cerchi in lega da 18” Performance con trattamento nero lucido.

Di serie anche il Pack Carbon Look, con trattamento dedicato estetico per minigonne laterali, griglia frontale e calotte degli specchietti.

E il Pack Veloce – Giallo Corsa, con degli ottimi sedili sportivi in tessuto e Alcantara con cuciture gialle a contrasto, dettagli gialli per le cuciture sul volante, cambio e freno di stazionamento.

Nel pacchetto di serie anche i paraurti con modanature gialle e l’impianto frenante maggiorato Brembo con pinze freno gialle.

In questa veste Giulietta ha 120 cavalli, col 1.4 turbo benzina o col 1.6 Diesel, dotato di una coppia superiore (320 Nm rispetto a 215).

Come va la Giulietta a gasolio? Padrona della strada

Quello di QN Motori è stato un long test con la versione a gasolio, per la precisione 3200 chilometri. Quasi 50 ore di viaggi. Su ogni percorso: autostrada, città, strada statale, montagna.

Il consumo medio è stato di 6,1 litri/100 km, ovvero una percorrenza media reale di 16,4 km con un litro. Senza particolari attenzioni. Il che vuol dire oltre 980 km con il pieno di 60 litri, guidando col piglio giusto, senza follie, ma nemmeno con l’ansia da autonomia.

Abbinato a un cambio manuale a sei marce, il quattro cilindri Diesel ha mostrato ottime doti di elasticità, la coppia massima è operativa da 1.750 giri, anche di scatto (0-100 in 10”).

Giulietta ha masso sul piatto la consueta indole dinamica. Resta una delle compatte più piacevoli da guidare. Impeccabile: una trazione anteriore con l’anima. Pronta nei cambi di direzione, con un assetto indovinato e uno sterzo sempre preciso.

Il tutto mantenendo un buon comfort di bordo, di marcia e acustico. Un mezzo polivalente, senza dubbio.

Il carattere cambia nelle modalità di guida disponibili sul sul selettore DNA. Ovvio che tra All Natural, Normal e Dynamic la terza è quella più grintosa. Il tutto assistito da una frenata potente.

L’abitacolo, con il carbon look guadagna in sportività: come detto ottima la foggia dei sedili. Datato l’infotainment(un tallone d’Achille del Marchio, ovviato da Stelvio e Giulia 2020), anche se il reparto multimedia beneficia della compatiblità con Apple CarPlay e Android Auto. Dettaglòio apprezzabile.

Leggi anche: Giulietta 2019, le novità

Giulietta non si tira mai indietro. Ottima la frenata, sempre agile. Mai difficile da portare, sia nei trasferimenti autostradali, sia nel misto più veloce o in città. Se ha retto da best seller del Marchio per quasi dieci anni c’è più di un motivo. Non meriterebbe ancora l’onore delle armi, in verità. Ci sarà chi la rimpiangerà. Noi ci togliamo il cappello.

U Go, l’Airbnb  per le quattro ruote di Leasys 

Per chi volesse “approfittare” di Giulietta in questi mesi, Alfa Romeo ha messo a punto interessanti formule di utilizzo, anche condiviso. E’ il caso di , una sorta di Airbnb per le quattro ruote.

Si tratta di un piattaforma di condivisione dell’auto peer to peer. Sulla quale operano, tramite un’app, un player, il proprietario di Giulietta con Be Free, e un user, che cerca un’auto per una finestra temporale. La piattaforma U Go li mette in contatto , il proprietario fissa una tariffa: nessun impiccio di assicurazione, essendo il player coperto dalla kasko di FCA Bank-Leasys, e per eventuali danni ci sono le franchigie.

Numerose le possibilità, oltre agli sconti dei concessionari, agli Alfa Days di questi mesi e alla proposta o Alfa Free 50/50 che permette di avere Giulietta acon 9.900 euro di anticipo, zero rate e zero interessi, per due anni. E poi decidere cosa fare. Nel frattempo i sorrisi al volante sono assicurati.

Giulietta Sport Carbon Edition, la galleria

Ultima modifica: 4 dicembre 2019

In questo articolo