Francesco Bagnaia, il nuovo talento italiano su due ruote

265 0
265 0

Grandi novità nel mondo delle dueruote. Francesco Bagnaia è una giovane promessa del mondo motociclistico italiano, dotato di gran talento e ottime capacità di guida. Scopriamo insieme chi è e i suoi (già) numerosi successi.

Chi è Francesco Bagnaia

Francesco Bagnaia, fenomeno della Moto2, nasce a Torino il 14 gennaio 1997. La passione per le moto è di famiglia, e sono il padre e

I primi successi li ha ottenuti nei campionati Minimoto e MiniGP (campione 2009).

Il triennio 2006-2009 a bordo delle minimoto è per lui molto favorevole. Nel 2008 si posiziona 3° nel Campionato Europeo Minimoto Junior B. Il conseguente passaggio alle MiniGP 50cc lo vede secondo nel campionato italiano e primo nel campionato europeo classe Junior50cc con la ZPF RSA50. Il suo stile è aggressivo e grazie alle sue doti tecniche riesce a sovrastare gli avversari in velocità e decisioni di pista azzeccate.

Si fa strada nel Campionato mediterraneo e nel Campeonato de Espana de Velocidad ottenendo risultati e piazzamenti sempre migliori. Il campionato spagnolo gli permette di mettersi alla prova con una realtà estera, esperienza che gli tornerà utile negli anni successivi.

Nel 2010 arriva 2° nel Campionato Mediterraneo PreGP 125cc e 2° nel Campionato Italiano MiniGP 50cc.

Nel 2011 è 3° nel Campeonato de España de Velocidad 125cc, sempre nello stesso campionato nel 2012 è terzo classificato nella categoria Moto3.

L’arrivo al motomondiale è del 2013, anno dell’arrivo in Moto3. La sua moto è la FTR M313. Il costruttore inglese garantisce affidabilità e qualità di prestazioni. Il suo compagno di scuderia è il marchigiano Renato Fenati.

Ha disputato 94 gare, di cui 5 primi posti e 15 podi, ha ottenuto 564 punti complessivi, 2 pole position e 3 giri veloci.  Il ritmo e le vittorie di Bagnaia lo portano ad essere considerato una delle figure con più margine di miglioramento presenti nel circuito italiano.

Sky Racing Team VR 46

Il 2014 è l’anno di entrata in SKY Racing Team VR46, alla guida di una KTM RC 250 GP. Nonostante la frattura del radio sinistro, Bagnaia riesce a concludere la stagione al 16° posto con un totale di 50 punti. Il miglior risultato dell’anno è il quarto posto ottenuto in Francia.

Il 2015 è l’anno del passaggio al Mapfre Team Mahindra, il suo piazzamento a fine anno lo vede al 14° posto con 76 punti.

Anche il 2016 è un anno targato Mapfre Team per Bagnaia, chiuderà la stagione al quarto posto con 145 punti.

Il passaggio allo SKY Racing Team avviene nel 2017, la moto affidatagli è la Kalex. Al fianco di Stefano Manzi disputa un ottimo mondiale, concludendo la stagione al 5° posto con 174 punti.

Secondo gli esperti del settore, la qualità principale di Francesco è la sua capacità di sapere affrontare qualsiasi tipo di circuito mantenendo invariate le capacità di guida.

Ad oggi milita ancora nello Sky Racing Team di Moto2.

Soprannominato “Pecco”, Bagnaia è il primo dei piloti appartenenti all’Academy Valentino Rossi ad arrivare in MotoGP. L’obbiettivo con cui è nato Sky Racing Team nel 2013 era proprio questo, valorizzare e accompagnare nella crescita le nuove leve del motociclismo.

Il campionato 2014 fa ottenere risultati di rilievo, il 2015 è l’anno della guida tecnica di Pablo Nieto.

Nel 2016 la squadra è composta da Romano Fenati, Andrea Migno e Nicolò Bulega; durante il GP d’Austria avviene l’abbandono di Fenati, al suo posto arriva Lorenzo Dalla Porta.

Nel 2017 in moto3 ci sono sempre Andrea Migno e Nicolò Bulega. Invece, in moto2 c’è il ritorno di Bagnaia.

Prospettive future

Francesco Bagnaia ha già firmato un contratto con Team Pramac Racing per il biennio 2019-2020, l’eccellente team toscano capitanato da Paolo Campinoti. Qui Francesco avrà modo di affermare le proprie doti e il suo innato talento.

In questo momento dell’anno conduce dal primo posto il mondiale Moto2 con lo Sky Racing Team con 119 punti, a solo un punto di distanza dal portoghese Miguel Oliveira. Le gare vinte sono quelle in Qatar, Texas e Francia. Il suo compagno di scuderia, il marchigiano Luca Marini si trova al 16° posto in classifica.

Il prossimo appuntamento è Assen dal 30 Giugno al 1 Luglio. Questo sarà un altro campo di prova molto importante per il pilota torinese. In questa fase del campionato sarà da vedere se ci sarà una conferma che determinerà lo svolgimento della stagione.

Il campionato Moto2 è complesso ed insidioso. Avversari come Oliveira, Marquez o Baldassarri sono tutti da temere, essendo in questa fase della stagione particolarmente performanti. La sfida del 2019 sarà ancora più difficile ma “Pecco” sta pensando soprattutto a portare a termine questa annata con il migliore risultato possibile.

L’ultima gara, quella di Barcellona, non è stata semplice per Francesco. Partito dal quarto posto, ha finito la gra posizionandosi in ottava posizione.

A Montmelo non sono state poche le difficoltà riscontrate soprattutto causate da uno pneumatico difettoso che ha portato alla conseguente perdita di parecchio grip. Anche per il compagno Luca Marini non è stato un circuito facile, e il motivo è stato dato da alcune vibrazioni nel posteriore della Kalex.

Il problema alla gomma posteriore ha influenzato lo svolgimento della gara. Bagnaia stesso ha dichiarato infatti di essere molto rammaricato per quanto successo e che inciampi come questo vanno saputi gestire mantenendo calma e concentrazione.

Le prospettive per questo ragazzo fanno ben sperare per il movimento motociclistico italiano. Bagnaia infatti si presenta sulla scena come un pilota giovane ma fortissimo, la sua tecnica è sviluppata, il suo stare in pista maturo. Valentino Rossi ha visto lungo affidandosi a lui; una delle missioni della sua  Academy era proprio quella di accompagnare i migliori piloti italiani in un percorso di crescita che avrebbe dato benefici a tutto il sistema moto Italia.

Assen sarà l’ennesimo banco di prova per capire se Bagnaia si merita davvero il primo posto in classifica. Il tempio della velocità olandese rappresenta un possibile spartiacque per la stagione. A Francesco il compito di dimostrare di meritare il primo posto. Il distacco da Oliveria è solamente di un punto.

Ultima modifica: 28 giugno 2018