Ford e Google insieme, dal 2023 Android sull’Ovale Blu

284 0
284 0

Ford e Google hanno annunciato una partnership strategica della durata di sei anni. L’accordo prevede l’integrazione del sistema Android e di tutti i servizi basati su di esso sui prossimi modelli Ford e del Marchio di lusso Lincoln. Le prime auto che beneficeranno di questa interazione saranno messe sul mercato a partire dal 2023. Un passo importante.

Ford e Google hanno annunciato la nascita di Team Upshift, un gruppo composto da tecnici di entrambe le aziende creerà esperienze personalizzate per i clienti e promuoverà nuove opportunità basate sull’analisi dei dati. Dallo sviluppo di nuovi processi di vendita per l’acquisto di un veicolo, alla creazione di nuove esperienze di possesso basate sull’analisi dei dati.

Previsto l’arrivo sulle Ford di Google  Assistant, Google Maps, dello store Google Play dedicato alle quattro ruote. Non è stato comunicato ufficialmente se il sistema Sync3 sarà integrato o cesserà di esistere. Bisognerà aspettare.

Le parole di Jim Farley, Presidente e CEO di Ford.

Mentre Ford continua una delle trasformazioni più profonde della sua storia attraverso l’elettrificazione della gamma, la connettività dei veicoli e la guida autonoma, la partnership tra Google e Ford rappresenta una fucina di innovazione. In grado di offrire un’esperienza superiore ai nostri clienti e modernizzare la nostra attività”. 

Jim Farley, Ford CEO
Jim Farley, Ford CEO

Le parole di Sundar Pichai, CEO di Google e Alphabet

Dal primo esempio di catena di montaggio alla più recente tecnologia di assistenza alla guida, Ford ha segnato il passo dell’innovazione nell’industria automobilistica per quasi 120 anni. Siamo orgogliosi di poter collaborare insieme. Utilizzando il meglio dell’Intelligenza artificiale, dell’analisi dei dati e delle piattaforme cloud di Google per aiutare a trasformare il business di Ford. E creare tecnologie che garantiscano alle persone di muoversi sicure. E, allo stesso tempo, connesse”.

Leggi anche: Ford ha un nuovo responsabile del design

Ultima modifica: 2 febbraio 2021