Fiat 500 Hybrid e Panda Hybrid, consumi ridotti del 30% | VIDEO

1442 0
1442 0

Fiat 500 Hybrid e Panda Hybrid Launch Edition, arrivano le ibride. Fiat compie il primo passo verso l’elettrificazione della gamma con la tecnologia più diretta e semplice.

In attesa di 500 elettrica che arriverà tra qualche mese ecco la versioni con l’ibrido leggero delle due highlander, per stile e preferenza, del mercato italiano. Piccole e urbane, citycar ibride: l’applicazione che mancava alle Fiat più popolari. Ordinabili dal 10 gennaio saranno sul mercato da febbraio 2020. Prezzo in promozione da 10.900 euro.

Leggi anche: Quando arriva Fiat 500 elettrica

Il powertrain mild hybrid a benzina abbina il nuovo motore da 1 litro aspirato a 3 cilindri della famiglia Firefly, che eroga 70 cavalli e 92 Nm di coppia massima a 3.500 giri è un propulsore elettrico BSG (Belt integrated Starter Generator) da 12 volt ed una batteria al litio.

Consumi ridotti dal 20% fino al 30%

Nei confronti al propulsore 1.2 quattro cilindri Fire da 69 cavalli permette un abbattimento di consumi, e quindi di emissioni di CO2, in media del 20% e fino al 30% per la Panda Cross.  Il sistema BSG è montato direttamente su motore ed agisce mediante la cinghia dei servizi. Permette di recuperare energia in fase di frenata e decelerazione, immagazzinarla in una batteria al litio da 11 Ah di capacità, e sfruttarla, con una potenza massima di 3.600 W, per riavviare il motore termico dopo uno stop in marcia e per assisterlo in fase di accelerazione.

Grazie a questa tecnologia, il motore termico si spegne anche in marcia al di sotto dei 30 km/h, semplicemente selezionando la posizione di folle del cambio (il quadro strumenti della vettura, che visualizza le informazioni del sistema ibrido, suggerisce quando farlo). Nella modalità “veleggiamento” (“coasting”) la batteria al litio alimenta tutti i servizi assicurando al guidatore il totale controllo della vettura.

Ripartenze felpate

Il sistema BSG permette riavvii e arresti silenziosi del Firefly e senza vibrazioni. Fiat 500 Hybrid e Panda Hybrid hanno i vantaggi dell’omologazione come auto ibrida, oltre ad essere conformi alla normativa Euro 6D Final. Permettono secondo le norme locali, agevolazioni quali libertà di accesso e circolazione nei centri urbani, riduzione del costo del parcheggio in centro e agevolazioni fiscali.

Aggiornato anche il cambio manuale a 6 marce C514 (trasversale, trazione anteriore) migliorato in manovrabilità e a migliorarne l’efficienza. Grazie a nuovi cuscinetti e guarnizioni a basso attrito. E all’impiego di uno specifico lubrificante ad alta efficienza. Presente un inedito rapporto per la 6° marcia che contribuisce a migliorare il consumo in ambito su strade più scorrevoli e veloci.

Motore più basso, auto più agile. La nuova soluzione prevede l’abbassamento dell’intero gruppo motopropulsore di 45 mm. Grazie al baricentro più basso, ne beneficia anche il comportamento stradale della vettura. Più preciso.

Verde rugiada, colore speciale

Fiat 500 Hybrid e Panda Hybrid Launch Edition sono riconoscibili per il badge a forma di “H”, formata da due gocce di rugiada, sul montante centrale. E sempre dalla rugiada – simbolo della luce dell’alba e quindi simbolo dell’inizio di una nuova era – prende ispirazione la nuova ed esclusiva livrea “Verde Rugiada”.Sarà presente su tutte le versioni dotate del propulsore ibrido il logo “Hybrid” sul portellone posteriore.

Seaqual Yarn, interni in plastica riciclata 

I sedili delle Launch Edition sono in parte realizzati utilizzando, per la prima volta nell’automotive, il filato “Seaqual Yarn” dalla cui tessitura è realizzato uno speciale materiale, certificato da Seaqual Initiative, ottenuto da plastica riciclata di cui il 10% di origine marina e il 90% di origine terrestre.

Per ottenere questo materiale è necessario prima trasformare la plastica raccolta in mare in scaglie di polietilene tereftalato, da queste scaglie poi realizzare il filato da cui creare i tessuti. Nella fase di tessitura, il poliestere di origine marina viene mescolato con altre fibre ecologiche, naturali, riciclate o recuperate. Un processo virtuoso. Completato dall’applicazione di tinture e finiture ecologiche basate sul risparmio di acqua ed energia.

Ultima modifica: 13 gennaio 2020

In questo articolo