Ferrari fra i leader della sostenibilità per Carbon Disclosure Project

1279 0
1279 0

Ferrari figura fra i leader globali della performance ambientale e della trasparenza secondo la classifica annuale di CDP (Carbon Disclosure Project), l’organizzazione indipendente no profit specializzata nella rendicontazione ambientale e nella valutazione delle strategie aziendali per la sostenibilità.

La Casa di Maranello ha ottenuto infatti il rating A- in riconoscimento delle azioni intraprese per il contrasto al cambiamento climatico, posizionandosi al di sopra della media regionale europea e della media di settore.

La valutazione di CDP ha riconosciuto gli sforzi e i progressi compiuti da Ferrari per mitigare il riscaldamento globale. Nel questionario Climate Change la Società si è distinta in particolare nelle categorie di Governance, Risk Management & Strategia di Business, nonché per l’accuratezza delle informazioni sulle emissioni di scopo 1 e scopo 2.

Il percorso intrapreso negli ultimi anni dal Cavallino Rampante verso la sostenibilità ha previsto una riduzione costante delle emissioni degli impianti di produzione e delle vetture. L’impegno di Ferrari si intensificherà nel corso dei prossimi anni con l’obiettivo di diventare “carbon-neutral”, attraverso una serie di azioni volte a ridurre le emissioni prodotte e a compensare le emissioni residue.

Ferrari Purosangue, il SUV del Cavallino arriverà nel 2022

Il metro di valutazione

CDP valuta le società con una metodologia indipendente, assegnando un punteggio da A a D in base alla completezza dell’informativa, alla consapevolezza maturata sul tema dei rischi ambientali e all’evidenza dei progressi conseguiti nella lotta ai cambiamenti climatici.

I principali progressi e risultati conseguiti da Ferrari in tali ambiti chiave sono presentati nel Bilancio di sostenibilità.

Ultima modifica: 23 dicembre 2020