Ferrari F40 compie 30 anni, mito del Cavallino Rampante

4616 0
4616 0

Ferrari F40, trenta anni. Ecco un mito vero. Del Cavallino Rampante e degli anni ’80.  Sono trascorsi tre decenni dalla presentazione ufficiale della F40, che si tenne il 21 luglio 1987 al Centro Civico di Maranello. Dove oggi sorge il Museo Ferrari. Creata per celebrare il 40° anniversario della Casa, fu l’ultima vettura a portare la “firma” del fondatore.

Un’auto definitiva, massima espressione della tecnologia allora messa a punto dal Cavallino Rampante. Ma allo stesso tempo un ritorno alle origini, quando le vetture da competizione erano le stesse guidate su strada. Derivazione estrema della 308 GTB e del prototipo denominato 288 GTO Evoluzione. La Ferrari F40 è un capolavoro di ingegneria e di stile, entrato nell’immaginario collettivo come simbolo di un’epoca.

Nell’anniversario della nascita di questa leggenda dell’automobilismo, Ferrari ha raccolto i ricordi di tre dei suoi artefici. Ermanno Bonfiglioli, allora Responsabile Progetti Speciali, Leonardo Fioravanti, che per Pininfarina lavorò al design, e il collaudatore Dario Benuzzi.

La Ferrari F40 nacque nel 1987 per celebrare i primi quarant’anni della Casa di Maranello. Spinta daii 478 cavalli del V8 3 litri biturbo.  Al di là delle prestazioni pure, all’epoca a dir poco spaventose e imbattute per molti anni, era l’atmosfera che si respirava a bordo della F40 che metteva i brividi. Essenziale come poche, gli unici striminziti rivestimenti che aveva all’interno servivano per celare l’abbondanza di fibra di carbonio del telaio e della carrozzeria.

Ferrari F40 compie 30 anni, mito del Cavallino Rampante f-F40

Solo per mani espertissime

Era un bolide da guidare con i guanti per via dell’assetto piatto e rigidissimo. Dello sterzo preciso come un bisturi e capace di offrire inserimenti in curva rapidissimi. Con un leggero sottosterzo che diveniva poi un brutale sovrasterzo se non si dosava a dovere il pedale dell’acceleratore. Un’auto unica, che fa sognare anche oggi.

Ultima modifica: 21 luglio 2017

In questo articolo