Fca-Psa, lock-up delle azioni in Faurecia per 6 mesi

323 0
323 0

Gli incentivi statali all’auto costituiscono l’unico «spiraglio di speranza» nelle prospettive del mercato italiano ed europeo, «che restano però fosche».

I dati europei, infatti, non sono incoraggianti: in media -32% di nuove immatricolazioni nei primi otto mesi del 2020 rispetto all’anno precedente. Meglio quelli italiani: in agosto si è fermata l’emoraggia.

Per questo, Federauto e Unrae sottolineano come l’ecobonus stanziato dal governo sia stato un ‘affare’ per lo Stato: a fronte di incentivi per 50 milioni, ha incassato 70 milioni in più di Iva da privati. «I dati sulle immatricolazioni di agosto e settembre hanno smentito l’iniziale reticenza delle istituzioni sugli incentivi. Che si sono dimostrati tutt’altro che inutili». Ha dichiarato il presidente di Unrae, Michele Crisci.

«Non chiediamo contributi a fondo perduto – continua il presidente di Federauto, Adolfo De Stefani Cosentino -: i 50 milioni di euro stanziati dal governo per agosto si sono concretizzati nell’acquisto da parte di privati di 14mila auto in più rispetto allo stesso mese 2019, con l’incasso di circa 70 milioni di euro di Iva da parte dello Stato».

«Ma se questi 50 milioni di agosto sono stati esauriti in 5 giorni e i 100 milioni di settembre in 12 – ha aggiunto – forse c’è qualcosa da correggere».

Dunque, il governo non si deve fermare. «Puntando alla sostituzione del parco circolante, il più vetusto d’Europa – ha sottolineato Crisci -. Questo darebbe il via ad una fase di transizione incrementale verso l’orizzonte dell’elettrico. Con soluzioni di mobilità sempre meno clima-alteranti».

Per quanto riguarda Fca, migliora al 5,7% la quota di mercato in Europa ad agosto. In aumento di 0,6 punti percentuali rispetto all’anno scorso (5,1%).

Nell’Unione Europea più i paesi Efta e Gran Bretagna il gruppo ha immatricolato quasi 50.600 auto. Con un risultato (-6,9%) migliore rispetto a quello del mercato. Nel complesso, però, nei primi 8 mesi il gruppo ha venduto il 38,6% in meno a 412.270 unità.

Stellantis fusione FCA PSA

Decisione su Faurecia

Infine, Fca e Peugeot (Psa) hanno deciso il lock-up delle azioni detenute in Faurecia per 6 mesi.

Ultima modifica: 18 settembre 2020