Drifting a Adria Motor Week dal 22 al 24 novembre

229 0
229 0

La prima edizione di Adria Motor Week si profila come un autentico contenitore di gare, spettacoli e divertimento per il pubblico.

Nell’evento in programma da venerdì 22 a domenica 24 novembre, infatti, scenderanno sulla pista veneta anche le mirabolanti auto da drifting.

A guidarle, saranno presenti piloti d’eccezione, come il neocampione italiano della classe Pro Alberto Cona, il diciottenne Mariano Lavigna, campione italiano della categoria Pro2, e l’ingegnere dei traversi Gianluca Lazzaroni, che nella vita di tutti i giorni fa perizie assicurative ma nei weekend si trasforma in un caparbio e spettacolare pilota di drifting.

Drifting a Adria Motor Week

A capitanarli, ci sarà Emanuele Festival, il promoter del Campionato Italiano Drifting.
Nei tre giorni di Adria Motor Week faremo delle esibizioni su un tracciato ricavato nel piazzale delll’area paddock e avremo anche due turni in pista al giorno da 40 minuti”, ci anticipa Emanuele Festival. “Il pubblico potrà salire a bordo gratuitamente per il taxi-drift. Ci sarà un punto di accredito il nostro personale penserà a dare il casco e agli spettatori e ad allacciargli le cinture una volta saliti in macchina”.

Ma cosa rende speciali le auto del drifting?

Vengono utilizzate vetture di derivazione dalla serie con modifiche sostanziali, a partire dal potenziamento del motore. Ad esempio la BMW M3 del campione italiano Crona ha 800 cavalli, Lazzaroni ha una Nissan con motore BMW da 600 cavalli. Viene modificato anche l’assetto per fare traversi veloci e con tanto angolo di sterzo. Devi avere anche stabilità e grip, affinché la macchina scivoli ma sia sempre prestazionale”.

Quali sono i Paesi dove il drifting è più diffuso?

Il Giappone, innanzitutto, perché il drifting è partito da lì. Poi è approdato in America, e in Europa, soprattutto in Inghilterra e in Irlanda dove c’è forse il campionato più bello, tanto che il vincitore del campionato americano è un irlandese. E’ molto sviluppato anche in Polonia. In Italia il drifting è approdato una quindicina di anni fa, con vetture quasi di serie, ma ora si sta allineando a livello internazionale”.

Nei giorni di Adria Motor Week, dunque, ci sarà dunque l’occasione per scoprire da vicino l’affascinante disciplina del drifting, che solo due settimane fa è stata protagonista anche dei FIA Games, le Olimpiadi del Motorsport a Vallelunga.

Nella Motor Week andrà in scena anche il ‘piatto ricco’ della Formula X Italian Series, campionato che ha registrato una nuova annata ricca di adesioni e popolarità, tanto da portare in pista sino a 160 iscritti nell’ambito di nove categorie.

Nel variegato contenitore proposto da Adria Raceway, le categorie Predator’s Challenge, Trofeo Predator’s e Formula X saranno in pista per l’assegnazione della Coppa Italia con un evento extra-campionato che vedrà al via anche i neocampioni in carica. La Predator’s Challenge schiera piloti giovanissimi, a partire dai 14 anni su monoposto di ultima generazione tutte rigorosamente dalle prestazioni identiche, con motori sigillati.

Drifting a Adria Motor Week

Altrettanto prestazionali le monoposto del Trofeo Predator’s, e quelle della Formula X, aperte a monoposto Formula Renault, Formula 4, Formula Abarth e Formula Gloria.
Tensione alle stelle, poi per alcune classi, che si sfideranno sulla pista di Adria per il round finale della stagione, con tanto di assegnazione del titolo e dei trofei di classe: la Formula Class Junior Italia, categoria riservata alle ‘storiche’ monoposto Formula Junior, la FX Touring Car Series, la GT Light, con tre piloti in lotta per il titolo, e la divertente Legends Cup.

AutomotoTV (canale 228 del bouquet di Sky) seguirà l’evento attraverso la programmazione live durante i momenti clou delle tre giornate. Uno studio allestito nel paddock consentirà, inoltre, di raccontare il dietro le quinte dell’evento, sempre rigorosamente in diretta.

Biglietti

Venerdì  6,00 euro – Sabato o Domenica 12.00 euro – Pacchetto weekend (3 giorni): 25.00 euro.

 

Ultima modifica: 18 novembre 2019

In questo articolo