Dieselgate Volkswagen, respinta 1a richiesta di risarcimento in Germania

1934 0
1934 0

Dieselgate Volkswagen, è stata respinta la prima richiesta di risarcimento in Germania. Questo ha deciso il tribunale di Braunschweig, nella Bassa Sassonia. E’ la regione (Land in tedesco) dove ha sede la VW, a Wolfsburg). Il tribunale ha rigettato la domanda di indennità di un gruppo di proprietari di auto coinvolte nel dieselgate. La class action non è andata a buon fine. E’ rimasta all’asciutto l’associazione di consumatori myRight, patrocinata dallo studio legale americano Hausfeld.

Vince la difesa

Vincente la difesa di Volkswagen che ha sostenuto che il software che taroccava le emissioni (durante i test) non violava la legge. E gli accorgimenti attuali, il cambio del software, non inficia prestazioni e valore residuo della vettura. Le auto coinvolte nel dieselgare non sono state ritirate dalla circolazione: altro punto a favore. I proprietari in ogni modo faranno ricorso in appello.

Motori TDI nel mirino del Dieselgate
Motori TDI nel mirino del Dieselgate

Musica diversa negli USA. E in Italia?

Negli Stati Uniti d’America Volkswagen dovrà risarcire una somma astronomica per l’inganno. Ben 14,7 miliardi di dollari. Tutto questo mentre in Italia c’è il boom di adesioni per la class action organizzata da Altroconsumo.it nei confronti di VW.

Ultima modifica: 1 settembre 2017