Dal 2015 al 2020 il trasporto merci su gomma in Italia è cresciuto del 14,1%

293 0
293 0

Nel 2015 in Italia sono state trasportate su gomma 116.820 milioni di tonnellate di merci per chilometro, passate a 133.265 milioni nel 2020, con un aumento del 14,1%.

Si tratta di una crescita maggiore rispetto a quella media registrata nello stesso periodo nell’Unione Europea, che è stata dell’11,7%. I dati citati derivano da una elaborazione dell’Osservatorio sulla Mobilità Sostenibile di Airp (Associazione Italiana Ricostruttori Pneumatici) sulla base di dati Eurostat.

Rispetto al 2015, oltre la metà degli Stati membri dell’Unione Europea ha fatto registrare nel 2020 un aumento del trasporto merci su gomma. I maggiori aumenti assoluti del trasporto merci su strada sono stati osservati in Lituania (+108,8%) e Romania (+41%).

Dal 2015 al 2020 il trasporto merci su gomma in Italia è cresciuto del 14,1%

Come indicato dalla tabella, che prende in considerazione i cinque principali paesi Ue per trasporto merci su strada, la Polonia ha fatto registrare nel periodo 2015-2020 una crescita del 36,1%, seguita da Spagna (+15,7%) e Italia (+14,1%). Più indietro, al quarto posto, la Francia (+10,5%). Tendenza negativa, invece, per la Germania, passata da 314.816 tonnellate per chilometro trasportate su strada nel 2015 alle 304.613 del 2020 (-3,2%).

La tabella prende in considerazione anche il confronto tra il 2020 e il 2019, l’ultimo anno pre-pandemia. Nell’anno maggiormente colpito dall’emergenza sanitaria il trasporto merci su strada è calato in media dello 0,9% nei paesi membri dell’Ue e, tra quelli che trasportano le maggiori quantità di prodotti, in Italia è diminuito del 3,4%, in Spagna del 2,9%, in Francia del 2,5% e in Germania del 2,3%.

L’uso di pneumatici ricostruiti

Per mantenere e incrementare la competitività delle imprese di autotrasporto è fondamentale adottare soluzioni in grado di ottimizzare e ridurre i costi di esercizio, come l’uso di pneumatici ricostruiti, che consente di ottenere un consistente risparmio senza rinunce in termini di sicurezza, dal momento che prima di essere immessi sul mercato vengono sottoposti agli stessi controlli degli pneumatici nuovi.

Ultima modifica: 29 giugno 2022