Cupra, nasce il nuovo Marchio speciale. Ateca la prima portabandiera

2571 0
2571 0

E’ nata Cupra. Da badge sportivo di Seat è diventata Marchio indipendente. Un passo importante, celebrato a Terramar, nel circuito storico. Le radici sportive restano, la novità è la creazione di un brand ex-novo nel Gruppo Volkswagen, di solito molto tradizionalista. “Abbiamo presentato l’idea a Muller, CEO di VW – ha detto De Meo, presidente Seat – e l’idea è piaciuta subito“.

Non solo prestazioni, ma anche “sofisticazione e performance“. L’idea in Seat, di scorporare Cupra, è nata circa un anno fa.

Cupra è una dichiarazione d’amore per il mondo dei motori”. Ha detto il presidente di Seat, l’Italiano Luca de Meo. Il logo del Marchio riprende motivi tribali. E’ molto aggressivo e color rame (cuprum, in latino)

De Meo ha aggiunto: “Puntiamo a convincere quei consumatori che non avrebbero mai pensato di acquistare una Seat. I nostri esperti del Motorsport sono tornati in officina per proporre qualcosa di non convenzionale. Sfruttando la banca organi del gruppo realizzeranno modelli speciali. Anche con collaborazioni esterne: ci sarà anche un merchandising. E ovviamente una rete dedicata ”. Saranno 265 i punti vendita in Europa.

Per ora saranno modelli Cupra (anche una crossover nel 2020) su base Seat. “Se le vendite andranno bene – continua De Meo – qualche sfizio potremmo togliercelo. Abbiamo in mente anche una Cupra metano. Magari monovalente, sfruttando il più elevato numero di ottani del gas naturale rispetto alla benzina“.

Arriveranno sette modelli Cupra in tre anni. La prima vettura col nuovo Marchio è Cupra Ateca, Un mix di tecnologia e potenza. Con trazione integrale permanente, cambio DSG a 7 marce e soprattutto del 2 litri benzina TSI da 300 cavalli. Prestazioni: 245 km/h di velocità massima e accelerazione da 0 a 100 km/h in 5,4 secondi.

Cupra Ateca: dotazione speciale

Carattere, ma anche particolarità. La dotazione di serie è da auto di lusso. E comprende. Plancia digitale, telecamera a 360° con vista dall’alto, touchscreen da 8 pollici con navigatore satellitare, sospensioni adattive e regolazione dell’assetto, caricabatterie wireless, chiusura e avviamento automatico senza chiave e assistenza di parcheggio.

Le prossime saranno Arona e Ibiza. E sono attesi modelli elettrificati per il 2020. Sarà un plug-in ibrido. Al momento non sono previsti modelli Diesel. La garanzia sui modelli sarà di 4 anni.

Ultima modifica: 4 ottobre 2018

In questo articolo