Cupra Ateca, prova su strada del SUV sportivo spagnolo | VIDEO

1401 0
1401 0

Punta a essere la voce fuori dal coro, il tocco di unicità per chi cerca la guida che lo faccia sentire speciale. Ma anche la sintesi di tutto ciò che possiamo chiedere a un’auto: aggressività e classe, eleganza e prestazioni, velocità e design, unicità e comfort. E’ la nuova Cupra Ateca.

Cupra Ateca, prova su strada del SUV sportivo spagnolo
Cupra Ateca su strada

Sfida non facile ma incoraggiata dalla grinta del marchio nuovo (Cupra come stand alone brand nasce da poco e cammina su un eloquente +64% in Germania, top market dell’automotive), dalle motivazioni di un team in espansione continua e dalla percezione di una vera mission: partire dalla cassetta degli attrezzi Volkswagen per arrivare alla massima sofisticazione possibile.

Un esempio? Le luci che all’accensione proiettano scenograficamente il marchio Cupra all’esterno. Un altro? Il tribale ottenuto dalle due C incrociate che raccontano un marchio che richiama fascino antico e passione moderna.

Due i pregi fondamentali di questa primogenita nobile: prima auto di un nuovo brand. Le prestazioni da pista (247 chilometri orari velocità di punta), unite a una notevole aggressività modulata sul Cupra Sound ma anche ad un design da premium class e ad un format da famiglia allargata con bagagliaio da 485 litri. Secondo, la capacità di sdoganare il lusso grazie ad un prodotto che si colloca tra il mass market e il premium market, capace insomma di essere il sogno per il primo stipendio e la soluzione per chi ha una famiglia ma non vuole rinunciare al piacere della prestazione d’alto livello.

Schematizziamo la nuova Ateca in sette punti, uno per ciascuna delle sue marce.

MOTORE

Il propulsore a benzina quattro cilindri 2.0 TSI sovralimentato e a iniezione diretta in grado di erogare ben 300 CV è già collaudato: è il motore della Leon, sintesi di disinvoltura, affidabilità e sicurezza. Provato in strada, sul circuito chiuso misto a pochi chilometri da Barcellona, è un motore da brivido: sparisce anche il rollio tipico dei suv grazie alle sospensioni dinamiche (dynamic chassis control).

In curva il baricentro abbassato si fa sentire, i freni Brembo e il cambio DSG a sette rapporti con trazione integrale 4Drive dà alla macchina la sensazione più sportiva con innesti rapidi, precisi, da pista. Il launch control da fermo e il peso contenuto (1540 kg) regalano davvero emozioni forti, percezione assecondata dal rombo dei quattro terminali di scarico della parte posteriore. Le modalità di guida disponibili (comfort, sport, individual, snow, offroad e Cupra) assicurano a chiunque la scelta più facile del tipo di approccio da affrontare.

DESIGN

Il linguaggio stilistico non è un dettaglio, ma una scelta di principio. Lo si vede già dalla griglia centrale caratterizzata da una finitura con effetto a nido d’ape e il nuovo logo Cupra, quasi a ribadire un senso di appartenza comune a chi sceglie e non semplicemente acquista l’auto. Sulla griglia inferiore il nome Cupra in alluminio opaco completa il design esclusivo.

Sul frontale i proiettori con tecnologica full led offrono un’eccellente radianza esaltando l’aspetto robusto e muscoloso non privo di fierezza dell’auto. I pannelli delle portiere rivestiti in Alcantara richiamano i rivestimenti dei sedili, arricchiti da cuciture color rame che troviamo anche sul volante sportivo rivestito in pelle. Il design versatile del Virtual Cockpit si integra a perfezione con il design complessivo dell’abitacolo.

INFO & CONNETTIVITA’

Il sistema Full Link di ultima generazione (Apple CarPlay e Android Auto) garantisce il miglior livello di infotainment e connettività. Mentre il Kessy è il sistema di chiusura e avviamento automatico senza chiave. Il quadro strumenti digitale, in linea con la vettura, ha un’impostazione più sportiva mentre l’estensione della plancia digitale è nel touchscreen da 8’’. Infine è possibile trasferire dal proprio smartphone all’abitacolo il top di funzionalità: il contenuto del dispositivo può essere riprodotto sul display della vettura, con effetto concreto sia sul comfort della guida sia sulla sicurezza.

I CONSUMI

Ateca è alimentata a benzina: il peso limitato riduce i consumi anche a fronte di un elevato livello di prestazioni e di una vocazione preferenziale da auto sportiva. Il ciclo urbano (1/100 km) è 8,9, l’extraurbano 6,5, il combinato 7,4.

IL COSTO

Il prezzo al cliente inclusa l’Iva è di 44 mila euro. Sono dotazione standard i cerchi in lega, i fari full led, i sedili sportivi con rivestimento in Alcantara, il sistema Kessy, il Full Link ed il sistema di navigazione Plus. Sono a richiesta i freni Brembo, il sistema di riconoscimento della stanchezza, sospensioni anteriori e posteriori sportive, il Cruise Control. Cupra Ateca sarà disponibile alla vendita a partire da fine novembre, ma è già ordinabile.

IL TELAIO

L’assetto è in grado di adattarsi a diversi requisiti. Le sospensioni indipendenti e adattive lo regolano in base alle esigenze del guidatore trasferendo così sulla strada le sue prestazioni. La trazione integrale 4Drive analizza in tempo reale le condizioni della strada, la velocità della vettura e di ciascuna ruota, la posizione del volante e la modalità di guida per distribuire al meglio la potenza.

Il Suv deve la sua affidabilità in frenata ai dischi anteriori e posteriori più grandi con diametro di 340 e 310 mm. Su richiesta vengono montati freni Brembo da 18’’.

Cupra Ateca
Cupra Ateca su strada

PREGI & DIFETTI E COME VA SU STRADA

Cupra offre molte cose assieme e tutte in una fascia prestazionale molto elevata con attenzione quasi maniacale al dettaglio. La sottolineatura del brand e il design soprattutto anteriore rafforzano il senso di identificazione con l’auto e la sua filosofia, passionale, antica e speciale. I 300 cavalli in Italia incontrano purtroppo il limite di una tassazione penalizzante.

Però su strada si sento tutti. Il test drive di Barcellona lo ha confermato in pieno, il tracciato spigoloso li ha messi alla prova. Il prezzo è una buona sintesi tra una vettura premium ed un mercato di riferimento tra il generalista e la fascia superiore.

Però per avere una vettura veramente all’altezza delle sue possibilità è necessario accrescere gli optional. In definitiva, un ottimo battesimo per il brand figlio di Seat e fratello di Volkswagen, una prova che non serve il lusso per sentirsi speciali. Ed una conferma che Cupra muoverà molto il mercato dei prossimi anni, anche in Italia. Con sette nuovi modelli in strada entro il 2021, come annunciato dal suo stesso managment. E si torna al sette…

Corrado Piffanelli

Ultima modifica: 4 novembre 2018

In questo articolo