Il crollo del consumo carburante leva 5 miliardi di gettito fiscale allo Stato

183 0
183 0

Il crollo del consumo carburante, benzina e gasolio, durante il Coronavirus ha tolto 5 miliardi di euro di gettito fiscale allo Stato italiano.

Nel primo semestre 2020 la spesa per il carburante è stata di 9,4 miliardi di euro inferiore rispetto allo stesso periodo del 2019.

Il calo è di quasi un terzo: -32,6%. Dovuto ad una forte riduzione dei consumi (-26,7%) causato essenzialmente alla pandemia e ad una più modesta contrazione del prezzo medio alla pompa che è calato del 6,45% per la benzina e dell’8,55% per il gasolio.

Questi dati emergono da un’elaborazione condotta dal Centro Studi Promotor sulla sua banca dati sui prezzi e consumi di benzina e gasolio per autotrazione diffusi dal Ministero dello Sviluppo Economico.

I cali dei prezzi del primo semestre sono dovuti all’andamento del costo del greggio che ha determinato una tendenza negativa che ha caratterizzato tutto il periodo per lasciare poi spazio a partire dalla fine di maggio ad una tendenza di segno opposto. Cioè a moderati aumenti dei prezzi alla pompa, così come sono evidenziati nei grafici allegati.

Gian Primo Quagliano

Un problema anche per il fisco

L’effetto pandemia – sottolinea Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor – ha avuto un impatto molto pesante anche per il Fisco. Che, per i mancati introiti delle accise e dell’Iva su benzina e gasolio venduto alla pompa, ha subito un calo del gettito che sfiora i 5 miliardi.

Mentre la componente industriale, cioè la parte del prezzo alla pompa che va alla produzione e alla distribuzione dei due carburanti, ha subito una contrazione di 4,4 miliardi.

benzina diesel carburante stazione rifornimento distributore - petrolio

 

Ultima modifica: 22 luglio 2020