Crash Test Euro NCAP 2019, 5 stelle per sette auto

599 0
599 0

Crash Test Euro NCAP 2019, 5 stelle per sette auto, un risultato importante. ovvero per Audi e-tron, Lexus UX, Mazda 3, Renault Clio, Toyota Corolla e Rav4, Volkswagen T-Cross.

È questo il verdetto della terza serie di test Euro NCAP 2019, il progetto internazionale di valutazione degli standard di sicurezza delle auto nuove, del quale è partner l’Automobile Club d’Italia (schede su euroncap.com).

Tutte le sette autovetture testate hanno ottenuto 5 stelle: l’elettrica a trazione integrale Audi e-tron, l’ibrida a trazione integrale Lexus UX, la family-car Mazda 3, la supermini Renault Clio, la family-car ibrida e convenzionale Toyota Corolla, l’ibrida e convenzionale small SUV Toyota Rav4 e il piccolo SUV T-Cross della Volkswagen.

Il modello elettrico e a trazione integrale Audi e-tron conquista il massimo punteggio per la protezione degli occupanti nella prova dell’urto contro la barriera laterale. Lievi criticità per la protezione del torace nell’urto contro il palo; scarsa protezione per il bacino e la testa del pedone investito. Buono il funzionamento dei sistemi di assistenza alla guida, anche nei confronti delle utenze vulnerabili (pedoni e ciclisti).

La Lexus UX, disponibile sia nella motorizzazione ibrida che convenzionale, ha raggiunto l’eccellenza in entrambe le prove di urto laterale contro la barriera e contro il palo. Ottimi punteggi anche per il sistema di frenata automatica. Qualche criticità, in alcune situazioni, per il sistema di mantenimento della corsia (Keep Lane Assist).

La Mazda 3 con motorizzazione tradizionale, (diesel o benzina), ha ottenuto il massimo punteggio complessivo a pari merito con la VW T-Cross. Ottime le performance in quasi tutte le prove, con alti punteggi nella protezione degli occupanti. Bene le prestazioni del sistema di frenata automatica, buona la protezione dei pedoni, adeguata quella per i ciclisti. Lievi criticità per il sistema Keep Lane Assist.

La Renault Clio, in commercio solo con motorizzazioni convenzionali, ottiene il massimo punteggio nella protezione dei bambini a bordo. Buoni i comportamenti in tutte le altre prove, così come il sistema di frenata automatico. Criticità nelle situazioni più severe per il sistema di mantenimento della corsia.

La Toyota Corolla (+sedan), disponibile anche nella versione ibrida, ha ottenuto l’eccellenza nella protezione dei pedoni e dei ciclisti. Adeguata sia in caso di urto che per il buon funzionamento del sistema automatico di frenata. Qualche criticità per la pressione di ‘gonfiaggio’ dell’air-bag lato conducente e per il sistema di mantenimento di corsia.

La Toyota Rav4, disponibile anche nella versione ibrida, ha ottenuto una nota di merito per il freno automatico di emergenza (AEB) in ambito urbano. Lievi criticità negli airbag laterali a tendina. Che non si sono dispiegati bene durante i test degli urti laterali contro la barriera e il palo.

La Volkswagen T-Cross, ha ottenuto il massimo punteggio nei sistemi di assistenza alle guida. Sempre adeguato il sistema di frenatura automatica in tutte le situazioni, anche nella salvaguardia di pedoni e ciclisti. Piccole criticità solo nella protezione della tibia del conducente in caso di urto frontale.

Le parole del presidente dell’ACI, Angelo Sticchi Damiani 

Benché i 7 modelli di veicoli testati fossero nella configurazione di equipaggiamento standard, tutti erano dotati di sistemi ADAS. R del sistema di frenatura automatica per il riconoscimento di pedoni e ciclisti. Questi eccellenti risultati premiano lo sforzo dei costruttori di investire sulla sicurezza. Con evidenti benefici per gli utenti vulnerabili”.

Test Euro NCAP 20198

VALUTAZIONE FINALE SICUREZZA PASSIVA(ADULTI) SICUREZZA PASSIVA (BAMBINI) PROTEZIONE PEDONI SICUREZZA ATTIVA
Audi e-tron 5 stelle 91% 85% 71% 76%
Lexus UX 5 stelle 96% 85% 82% 77%
Mazda 3 5 stelle 98% 87% 81% 73%
Renault clio 5 stelle 96% 89% 72% 75%
Toyota Corolla 5 stelle 95% 84% 86% 77%
Toyota RAV4 5 stella 93% 87% 85% 77%
VW T-Cross 5 stelle 97% 86% 81% 80%

Ultima modifica: 23 maggio 2019

In questo articolo