Corbellati Missile, la più veloce al mondo: 1.800 cavalli e 500 km/h

11979 0
11979 0

Corbellati Missile, al Salone di Ginevra ci sarà un’hypercar italiana molto ambiziosa. Stando ai dati dichiarati, punta a diventare l’auto più veloce del mondo.

Un gioiello, di nome e di fatto. Sarà presentata al Salone di Ginevra, opera di un’azienda da che 70 anni produce preziosi. Non sarà un bolide ibrido, ma spinto da un motore a benzina. Un mostruoso benzina V8 di 9 litri, biturbo e in grado di erogare 1.800 cavalli. Per una potenza specifica di 200 cv/litro. Corbellati Missile è annunciata capace di una velocità massima di 500 km/h. Stratosferica, che la renderebbe la vettura più veloce sulla terra.

Pronta quindi a sbaragliare i 447 km/h, fissati dalla Koenigsegg Agera RS in Nevada. In barba anche a Bugatti.

Corbellati Missile
Corbellati Missile

Colpisce il design, che pare fortemente ispirato a una delle auto più belle di sempre. Alfa Romeo Tipo 33 Stradale.

Alfa Romeo Tipo 33 Stradale
Alfa Romeo Tipo 33 Stradale: Corbellati Missile pare molto ispirata a questo capolavoro del 1967

Lunga 4,67 m metri, larga 2,04 m ed alta 1,17, presenterà la carrozzeria realizzata interamente in fibra di carbonio. Il cambio è un manuale a sei marce, altra scelta “old school“. Che lavora differenziale a slittamento limitato, adibito a scaricare l’impressionante potenza alla trazione posteriore.

Corbellati Missile, grandi ambizioni

L’azienda dichiara orgogliosamente: “Il nostro obiettivo è creare un’auto che combini prestazioni e design unici, come un gioiello“.

E ancora. “Missile, questo è il nome scelto. Un nome semplice di impatto che comunica chiaramente i nostri intenti. Essere i più veloci al mondo. L’asticella che ci siamo posti è senza dubbio molto elevata. E senza dubbio può sembrare ai più che sia solo per guadagnare notorietà. Ma dietro ci sono mesi di calcoli sull’aerodinamica per ottenere pochissima drag force. E la necessaria down force per raggiungere e superare i 500 km/h.”

Corbellati Missile

 

Ultima modifica: 12 febbraio 2018