Citroen C5 Aircross ibrida plug-in, la prova in città | VIDEO

1276 0
1276 0

Citroen C5 Aircross ibrida plug-in ha rotto il ghiaccio: è la prima elettrificata, e ricaricabile, del Marchio francese. Primo passo verso la transizione energetica.

Al nostro precedente contatto con la vettura, avevamo testato la C5 Aircross alla spina in condizioni di percorso extra-urbano. Apprezzandone il passo fluido, consentivo dalla potenza di sistema di 225 cavalli e la coppia di 360 Nm del powertrain formato dal 1.6 turbo benzina e dal motore elettrico da 80 kW.

L’esuberanza è scaricata sulla trazione anteriore e gestita dal fluido cambio automatico a otto marce. Un pacchetto noto e apprezzato, come il comfort offerto di serie da un tris d’assi.

Quali  gli smorzatori idraulici progressivi di serie (Progressive Hydraulic Cushions), i sedili Advanced Confort, realizzati con una speciale schiuma poliuretanica ad alta densità che li rende comodi e capaci di un ottimo sostegno per i lunghi viaggi e le tre poltrone della seconda fila indipendenti: sempre scorrevoli e reclinabili singolarmente.

In 4,5 metri di lunghezza tanta ospitalità e un bagagliaio, con cinque persone a bordo, che arriva fino a 600  litri di capacità (da 480 litri minimi). Questo grazie alla seconda fila di sedili scorrevoli di 15 centimetri e perché le batterie da 13,2 kWh sono stivate parte posteriore del pianale.

Detto della plancia digitale, cruscotto da 12,3 pollici e display dell’infotaiment da 8 pollici, passiamo alla sostanza del nostro test.

Posto che la batterie da 13,2 kWh si possono caricare in una notte (7 ore) dalla classica presa domestica, C5 Aircross Hybrid si candita come cittadina polivalente.

I 55 chilometri (ciclo WLTP) annunciati di autonomia solo elettrica sono sufficienti agli spostamenti giornalieri della maggioranza dei potenziali clienti: con la propulsione solo a batterie arriva fino a 135 km/h. Per i viaggi nel week-end c’è l’aiuto di potenza e autonomia del motore termico.

Citroen C5 Aircross ibrida plug-in, la prova in città - 14

Abbiamo provato C5 Aircross Hybrid nel centro di Milano, Area C compresa. Un plus  – oltre agli incentivi statali che arrivano fino a 6.500 euro con rottamazione, il prezzo di listino parte da 42.100 euro –  il poter circolare in zone inibite ad altre vetture.

Al quale il Suv che diventa Silent urban Vechicle, aggiunte il comfort superiore delle Citroen in generale e del modello in particolare.

Isolato dai rumori, esterni e di propulsione, e anche dalle imperfezioni del fondo stradale. D’accordo, non può volare oltre il traffico, ma restituisce una serenità e un piacere anche avanzando a passo d’uomo.

Un nuovo modo di muoversi, fermo restando che per avere la massima efficienza la batteria va caricata ogni volta che si può.

 

.Citroen C5 Aircross ibrida plug-in, la prova in città

Ultima modifica: 8 marzo 2021

In questo articolo