Citroen C4, in segreti della nuova piccola francese | VIDEO

1738 0
1738 0

C’era una volta la Cactus, progenitrice della nuova famiglia Citroen, C3, C3 Air Cross, C5 Air Cross, ispirate alle origini del marchio del double chevron, e cioè l’anticonformismo.

Ma con una particolarità. Si può essere «strani», ma si dev’essere molto confortevoli. «Comfort is the new cool», sottolinea Linda Jackson, Ceo di Citroen. «Il nostro obiettivo – spiega durante la presentazione statica della nuova C4 Cactus a Parigi – è quello di essere il marchio di riferimento in termini di comfort. E di rendere questo livello di comfort inedito accessibile a tutti. Con nuova C4 Cactus e l’introduzione delle sospensioni con smorzatori idraulici progressivi, noi proponiamo una nuova berlina compatta originale e moderna».

I motori da 82 a 130 cavalli

Berlina, dunque, viene definita la nuova C4 Cactus. A noi, d’acchito, ci è sembrata abbastanza «suvvizzata» (ci si passi il neologismo) per strizzare l’occhio alla nuova moda, che se non sei un suv, piccolo o grande che sia, non ti compro. La prima cosa che si nota è la perdita degli air bump, quei due «cuscinoni» un po’ strani che marchiavano le fiancate del vecchio modello. Ora sono ridotti in piccoli «cuscinini» sulla parte bassa delle portiere e quasi non si notano. La macchina l’abbiamo vista da ferma, in anteprima, senza provarla, perciò, per il momento, possiamo darne solo un giudizio estetico. Non sono stati comunicati neppure i motori, se non che saranno di «ultima generazione e arriveranno fino a 130 cv».

Comunque off the record abbiamo saputo che si tratterà di un 1.6 turbodiesel da 100 e 120 cv e di un benzina tre cilindri da 82 cv e turbo da 110 e 130 cv. E ci sarà anche un cambio automatico a 6 rapporti. Vista così, suvvizzata appunto, ci è parsa una berlina gradevole. Che, a parità di dimensioni (è lunga 4170 mm) sembra più larga e più bassa del modello precedente. Dentro (abbiamo potuto sederci sia davanti sia dietro) è molto spaziosa e appare effettivamente molto comoda. Lo spazio per i passeggeri è notevole, il bagagliaio ampio (358 litri).

Citroen C4, il tappeto volante

Il comfort effettivo lo scopriremo solo quando ce la faranno provare su strada. Per ora ci devono bastare le parole di Xavier Peugeot, direttore prodotto Citroen: «Nuova C4 Cactus introduce due esclusive inserite nel programma Citroen Advanced Comfort: le sospensioni con smorzatori idraulici progressivi, una prima assoluta in Europa e, in anteprima mondiale, i sedili Advanced Comfort. Nuova C4 Cactus offre un comfort ineguagliabile per tutti, fondato sul savoir-faire del Marchio in termini di benessere a bordo». Non a caso, per le nuove sospensioni si parla esplicitamente di «effetto tappeto volante». Ma non solo.

Oltre al comfort, l’ultima nata di casa Citroen offre 12 sistemi di assistenza alla guida, tre diverse tecnologie di connettività permanente. E 31 combinazioni di colori. Unico neo ci sono sembrati i finestrini posteriori che non sono scorrevoli dall’alto al basso ma bensì si aprono a compasso come su alcuni veicoli commerciali. Ci è stato spiegato che la scelta è stata fatta per «non sforare il budget». E che comunque fa parte dell’anticonformismo del modello e dunque un senso ce l’hanno. Sarà…

Cesare Paroli

Ultima modifica: 7 novembre 2017

In questo articolo