Citroen C3 per neopatentati e con incentivo statale

756 0
756 0

Citroen C3 per neopatentati e con incentivo statale. La piccola francese è sempre attuale. Con il Decreto-Legge “Agosto” sono state apportate nuove e importanti disposizioni in materia di ecobonus e trasporto. 

Tra le principali novità, è stato aumentato da 3 a 4 il numero delle fasce di emissione di CO2. In particolare, la precedente fascia 61-110 g/km è stata suddivisa in ulteriori due fasce: 61-90 e 91-110. 

Leggi anche: Citroen C3 restyling: prezzo, motori e informazioni

  • Per la fascia di emissione di 61-90 g/km di CO2 è previsto un bonus pari a 1.750 euro a fronte di rottamazione e 1.000 in assenza di rottamazione.
  • Per la fascia di emissione 91-110 g/km di CO2 è previsto un bonus pari a 1.500 euro a fronte di rottamazione e 750 in assenza di rottamazione.

Grazie alle sue motorizzazioni C3 beneficia dei nuovi incentivi statali.

Citroën C3 rientra nella fascia di emissione 61-90 g/km con il suo motore diesel BlueHDi 100 S&S abbinato al cambio manuale a 5 rapporti. Dispone del turbo Diesel Common Rail, con 4 cilindri. Eroga 102 cavalli di potenza, è  1499 cm3 di cilindrata. Dotato di con Stop&Start, in linea con la normativa Euro 6.2.

Ideale per le lunghe percorrenze,  è efficiente e parsimonioso. Limita le emissioni di CO2 a 86 g/km e di conseguenza anche i consumi.

Con i motori ad alimentazione benzina, Citroën C3 rientra nella fascia di emissione 91-110 g/km. Questo grazie ai PureTech 3 cilindri, da 83 fino a 110 cavalli di potenza, tutti con cilindrata 1199 cm3.

Tutti i motori benzina PureTech rispondono alla normativa Euro 6.2. Dotati di iniezione elettronica, con Stop&Start. Il PureTech 83 S&S è abbinato al cambio manuale a 5 rapporti. Ed è omologato anche per neo-patentati.

Leggi anche: Citroen C3, la prova di QN Motori

Ultima modifica: 24 agosto 2020