Centosessanta samurai Honda al Giro per scortare la volata del Centenario | VIDEO

690 0
690 0

Il Giro d’Italia del centenario è stato quello più conteso della storia. Uno spettacolo sportivo accompagnato dalle auto e dalle moto di Honda, la Casa giapponese leader mondiale nella produzione di motori, ben 14 milioni l’anno. I cilindri e i pistoni delle 130 vetture e delle 30 motociclette per tre settimane hanno scortato la carovana, in gara e nei trasferimenti. Angeli custodi di Quintana, Nibali, Dumoulin e soci: affiancando ai mattatori uno schieramento imponente e impeccabile.

Il Giro è un evento popolare in tutta Italia, la seconda gara a tappe per prestigio a livello mondiale. Negli ultimi anni la prima per combattività. Uno sport che avvicina milioni di persone, dodici per l’organizzazione, sulle strade e Honda, che nel motorsport a due e quattro ruote, dalla F1 al MotoGP, è stata protagonista con i suoi mezzi migliori. Che hanno sfoggiato una grande disinvoltura in ogni situazioni, dai tornanti nelle tappe di montagna alle volate, fedeli al retaggio è all’identità sportiva del Marchio.

Per le moto, più affini alle biciclette, Honda ha schierato 5 Crf1000L Africa Twin, la leggendaria maxi-enduro con motore bicilindrico. E soprattutto ben 25 X-Adv, il maxiscooter, una sorta di Suv a due ruote. Unico mezzo per i centauri a essere dotato del cambio automatico: il doppia frizione Dct.

La nuova Civic

La maglia rosa di Honda è stata però la nuova Civic, la berlina compatta sportiva. Dotata dei nuovi efficienti motori 1.0 e 1.5 turbo benzina VTec. Poi il crossover sportivo Hr-V e il Suv Crv. Che sul sul ha coperto il ruolo di Vip Car, consentendo agli ospiti del Giro di vivere in prima persona le emozioni della corsa. Infine, indispensabili per la logistica, le station wagon Civic Tourer hanno scortato gli atleti attraverso la penisola lungo i 3.615 km del percorso.

Divorati con grande piglio, tanto dai protagonisti sui pedali, quanto dalle Honda. Il cui piglio sportivo, nelle forme e nel comportamento, ha contribuito alla riuscita di tre settimane davvero intense. Con tanti colpi di scena sull’asfalto, sempre scortati dalla Civic e dalle sue sorelle.

Ultima modifica: 29 maggio 2017

In questo articolo