BMW R 1250 GS, prova su strada della numero 1. Potente e tecnologica | VIDEO

1014 0
1014 0

GS come Gelande Strasse, e cioè «strada sterrata». Il mito compie 39 anni e BMW, attraverso i vari modelli e motori boxer che si sono succeduti (dall’antenata R 80 G/S) ha saputo tenere vivo l’interesse dei centauri di tutto il mondo.

T anto che da anni GS è la prima moto venduta in assoluto su molti mercati, Italia compresa. Solo a gennaio, nel Bel Paese, sono state consegnate 364 GS e 128 GS Adventure, per un totale di 492: quasi 16 al giorno.

BMW R 1250 GS

Le ragioni di questo successo? Potenza del brand, ovviamente. Ma soprattutto tanta sostanza che induce a sborsare una cifra di almeno 20 mila euro per averla. L’ultima versione, la GS 1250, è l’apoteosi della tecnica più avanzata applicata alle due ruote.

Che si traduce in piacere di guida, minori consumi ed emissioni, comfort anche per il passeggero. Senza entrare nei dettagli più tecnici, ora il boxer della GS è completamente nuovo.

Dalla cilindrata di 1254 cc (era di 1170 cc), alla fasatura ad alzata variabile delle valvole di aspirazione che migliora la combustione.

BMW R 1250 GS
BMW R 1250 GS su strada

Per la prima volta sul boxer, gli alberi a camme sono azionati da una catena dentata invece che a rulli; l’alimentazione dell’olio è ottimizzata (quando non serve ce n’è meno), iniettori a doppio getto e nuovo impianto di scarico.

Il che si traduce in più potenza, 136 cv (erano 125) e una maggiore coppia di 143 Nm (erano 125). Abbiamo provato la nuova GS sulle strade montuose del Piacentino.

BMW R 1250 GS,

Rispetto ai modelli precedenti l’avevamo trovata più leggera, più facile da gestire anche da fermo, più empatica con chi è in sella. Del motore ci avevano colpiti l’eccezionale tiro anche ai bassi regimi e la brillantezza della ripresa.

GS, una delle migliori moto attualmente in circolazione

Ne avevamo ricavato l’impressione complessiva di guidare una delle migliori moto attualmente in circolazione. L’elettronica la fa da padrona, a partire dalle due modalità di guida, Rain e Road, di serie. Cui s’aggiungono l’Automatic Stability Control e l’Hill Start Control.

Come optional, invece, si può scegliere l’upgrade Pro, che comprende la modalità supplementare Dynamic, il Controllo Dinamico della Trazione (DTC), l’Abs Pro, l’Hill Start control Pro e l’Assistente Dinamico di Frenata (DBC) al debutto assoluto.

Sempre a richiesta, la regolazione elettronica delle sospensioni Dynamic ESA Next Generation. Dotate di  compensazione automatica dell’assetto.

Prezzi a partire da 17.850 euro

In più, grande connettività con la strumentazione combinata multifunzionale, display TFT a colori di 6,5 pollici e chiamata d’emergenza intelligente (optional). Sella regolabile per tutte le stature. Prezzi a partire da 17.850 euro, chiavi in mano e primo tagliando compreso.

Cesare Paroli

Ultima modifica: 15 febbraio 2019

In questo articolo