BMW M8 Gran Coupé, super GT a quattro porte e cinque posti

139 0
139 0

BMW M8 Gran Coupé, la grande sportiva bavarese diventa anche a quattro porte e cinque posti. Completando la famiglia GT dopo la coupé e la cabrio. Sarà una delle grandi novità al Salone di Los Angeles e arriverà in concessionario ad aprile 2020.

Imponente nella stazza, 5,10 metri di lunghezza, 1980 kg di peso a vuoto, sarà, fedele al retaggio delle BMW più esclusive, disponibile anche nella versione Competition. La più prestazionale con il benzina V8 di 4.4 litri biturbo capace di erogare 625 cavalli e 750 Nm di coppia da 1.800 giri.

BMW M8 Gran Coupé

BMW M8 Gran Coupé, da integrale a posteriore

La M8 standard invece dispone di 600 cv e della stessa coppia. Entrambe sono abbinate alla trazione integrale M xDrive e al cambio automatico a otto marce.

Con la modalità M Setup è possibile scollegare l’asse anteriore per farla diventare anche solo una trazione posteriore, per una guida ancora più sportiva. Esaltata dalla presenza di un differenziale autobloccante posteriore a controllo elettronico.

BMW M8 Gran Coupé rispetto alle altre versioni presenta un passo allungato di 20 centimetri. Ma non perde brio: accelera da 0 a 100 km/h in 3,3 secondi (3,2 s la Competition). Impiega 11 secondi per arrivare a 200 km orari partendo da fermo.

La velocità massima arriva a 305 km orari se si opta per il pacchetto M Driver’s (altrimenti 250 km/h auto limitati). Sul volante ci sono gli M buttons, per settare le caratteristiche dell’auto secondo le proprie preferenze.

Che si aggiungono a M Setup, che presenta modalità di guida pre impostate dal Costruttore. La percorrenza media dichiarata è di 9,5 km/litro. Consumi accettabili, data la stazza e la potenza in ballo.

Al lancio c’è la versione First Edition con livrea Aurora Diamond Green. Di serie i sedili sportivi M, l’infotainment Live Cockpit Professional con Intelligent Personal Assistant,  i fari adattivi Laserlight Led e un pacchetto completo di ADAS, i sistemi di assistenza alla guida.

Ultima modifica: 9 ottobre 2019

In questo articolo