Auto d’epoca, il restauro è roba per scienziati

78 0
78 0

Sono iniziate a Modena le selezioni per il nuovo corso di formazione tecnica superiore per «Restauratore di carrozzeria d’auto d’epoca». Il corso, gratuito, è promosso dai Dipartimenti di Ingegneria delle Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia (UniMoRE) e Ferrara. E patrocinato dall’Automotoclub Storico Italiano (Asi), ha come scuola capofila l’IIS A. Ferrari di Maranello.

La figura formata saprà ricercare fonti documentative dell’automobilismo territoriale per programmare interventi di restauro di carrozzeria. Che saranno rispettosi di forme, disegni e colori di modelli originali.

ASI con le Università di Modena, Reggio Emilia e Ferrara per il restauro auto

Conoscerà i materiali utilizzati per la costruzione delle auto. R, attraverso analisi metallografica, saprà stabilire le modalità per il recupero o rifacimento dei componenti. Riproducendone, con tecniche di design e software di progettazione, forme e prestazioni.

Le materie principali del corso di Restauratore di carrozzeria d’auto d’epoca

Fra le materie, conoscenza dei materiali, disegno tecnico, prototipazione, modellazione in 3D, smontaggio e montaggio, battitura della carrozzeria, verniciatura.

Previste visite guidate ai musei Lamborghini e Stanguellini e alle collezioni Panini e Righini. «L’iniziativa – annota l’Asi – nasce dall’esigenza di alcune imprese del territorio di tramandare i saperi dell’artigianalità che ha reso Modena capitale del restauro di veicoli storici». Indirizzato a giovani e adulti, il corso, con Ecipar, dura 800 ore, di cui 300 di stage presso aziende. Al termine (ottobre 2020) rilascia un certificato di specializzazione tecnica superiore.

Lancia Fulvia Coupè 3 Safari (1973-1976)
Lancia Fulvia Coupè 3 Safari (1973-1976)

Ultima modifica: 6 novembre 2019