Audi RS 3, la prova. Sportiva dura, pura, emozionante col 5 cilindri

1625 0
1625 0

L’ultima della sua specie? Forse, ma con un carattere unico: dura, pura, emozionante. Tre aggettivi per raccontare Audi RS 3 Sportback, la rinnovata della compatta sportiva dei quattro anelli.

Audi RS 3, la prova

5 cilindri turbo e zero elettrificazione

Nell’era dell’ibrido e dell’elettrico Audi firma la sua ultima scommessa su una vettura con un ruggente motore termico. Alludo al 5 cilindri in linea 2.5 turbo benzina da 400 cv che spinge RS3 e al sound magico che esce dagli scarichi mentre i cilindri si avviano uno ad uno in rapida frequenza.

Il 5 motore cilindri da 400 cavalli

Emozioni ruggenti ma mai fuori dal tempo, come il ricordo della mitica Targa Florio, la più antica corsa automobilistica di durata al mondo. Nata nel 1906 per volere della potentissima famiglia Florio. Dal 1955 al 1973 è stata una tappa del campionato mondiale FIA Sport Prototipi e dal 1978 si è tramutata in rally.

Guidare RS3 sul circuito medio delle Madonie, l’antica catena montuosa che si erge a un centinaio di chilometri da Palermo è anche ritrovare suggestioni antiche. O box a bordo strada, le curve strette, i panorami incantati. L’asfalto pieno di cunette e sobbalzi, che in qualche tratto diventa uno sterrato sotto l’azione di frane e piogge.

RS 3 con la sua sagoma filante, la maschera anteriore che abbraccia tutto il muso, gli scarichi ridisegnati e le nuove minigonne, vive il percorso come una sfida personale.

La trazione integrale ’quattro’ e la ripartizione attiva della coppia sul posteriore regalano sempre l’assetto migliore in ogni curva e la rigidità torsionale contiene gli effetti di buche e sobbalzi. Il cambio automatico a 7 rapporti segue in modo efficace anche le accelelerazioni più brusche. E il sound del motore diventa rombo e sibilo a ogni strappo.

Velocissima sul misto

Il tracciato misto, con salite ripide e brusche discese, consente di verificare le diverse modalità di guida. Sono sette in tutto, perché a quelle tradizionali si aggiungono RS Individual, RS Performance (adottata in gran parte del percorso) e RS Torque Rear.

Quest’ultima trasferisce fino al cento per cento della coppia sull’asse posteriore. Regalando emozioni senza fine agli appassionati di drifting e derapate.

La carica dei 400

Quanto a prestazioni, RS 3 tocca vertici importanti: 290 km orari di velocità massima e scatta da 0 a 100 in 3,8 secondi, 3 decimi in meno del modello precedente.Il design muscolare, i sedili sportivi, la pedaliera metallica e perfino i sottili proiettori a Led Audi Matrix sottolineano la vocazione ’race’ di un’auto che può essere usata comodamente anche in città, rivelando un’anima ben più mansueta.

Anche per questo l’intelligenza del software Audi ha fatto un robusto salto di qualità. Al doppio schermo touch si aggungono funzioni importanti come l’aggiramento automatico dell’ostacolo in frenata. Per evitare che l’impatto di un incidente frontale abbia conseguenze devastanti.

Audi RS 3 costa 61.700 euro e, su richiesta, offre come optional freni carbo-ceramici. Perfetti per chi vuole spremere al massimo l’anima sportiva di una vettura che accende la fantasia. E non si fa certo dimenticare con i suoi 400 scalpitanti cavalli.

Leggi ora: Audi S1 Hoonitron

Ultima modifica: 20 dicembre 2021

In questo articolo