Audi Q5 Sportback, la prova. Meno emissioni, più versatilità

886 0
886 0

Stile neoclassico: Suv, ma con silhouette sportiva. Dal 2009 Sportback definisce la carrozzeria delle Audi che puntano sulla estetica senza rinunciare alla versatilità. Tetto, lunotto e montanti posteriori bassi, spioventi, mantenendo le doti di abitabilità e bagagliaio.

La casa dei quattro anelli punta al 50% delle vendite in Italia per la Sportback: numeri importanti per quello che a livello mondiale è il bestseller del Marchio.

Il restyling propone tutta la gamma elettrificata, con i benzina e i Diesel, mild hybrid con sistema a 12 o 48 Volt e al vertice le due versioni ibride plug-in, le ricaricabili, con la batteria aumentata a 17,9 kWh e una gestione più efficiente del gruppo motopropulsore.

Le potenze variano da 163 a 399 cavalli, la trazione può essere anteriore o integrale ultra (on demand) sulle versioni a quattro cilindri (due litri) o integrale quattro sulle sei cilindri (tre litri) con differenziale centrale autobloccante.

Il cambio è automatico su tutte le versioni, a sette o otto marce.Le sospensioni sportive sono di serie (tranne sulla 163 cv) come l’assetto sportivo variabile.

A richiesta gli ammortizzatori elettroidraulici regolabili e le sospensioni pneumatiche adattive che consentono di variare l’altezza da terra dell’auto su cinque livelli. Q5 Sportback esibisce proiettori full Led di serie.

A pagamento anche gli Audi Matrix Led con gestione adattiva degli abbaglianti, mentre i gruppi ottici posteriori esibiscono la tecnologia Oled, che in fase di configurazione si può scegliere fra tre diversi motivi luminosi.

Avanzata la plancia, digitale, gestita dal nuovo sistema MIB3, presenti i sistemi di assistenza alla guida di secondo livello, per correggere su freni, acceleratore e sterzo.

Audi Q5 Sportback, prova su strada del Suv coupé ibrido

Audi Q5 Sportback sulle Langhe

Oggetto del nostro test, svolto su un percorso variegato nelle Langhe tra Asti e Cuneo, la Diesel mild hybrid da 204 cv (il gasolio sarà ancora dominante nelle vendite del modello, con l’80% delle preferenze) e la ibrida plug-in da 367 cavalli, entrambe a trazione integrale.

Come va la ibrida plug-in

Per la elettrificata ricaricabile Audi si aspetta il 20% delle vendite in Italia. E’ la versione che porta più novità con la batteria che garantisce 62 chilometri di autonomia. Dispone di una coppia quasi istantanea, con uno scatto da sportiva.

La gestione avanzata offre quattro modalità: EV (elettrica), Auto (ibrida), battery hold (per conservare la batteria) e battery charge (per ricaricarla usando il motore).

Dinamica, con vocazione per il comfort (sterzo preciso, ma non sportivo) la Q5 SB ha mostrato un’ottima indole. I 50 km di autonomia elettrica sono lo standard: provando una economy run con particolare attenzione al recupero di energia siamo arrivati a percorrere 70 km.

I 17,9 kWh della batteria possono essere ricaricati da presa domestica in circa 9 ore (una notte) a un costo di meno di 4 euro. Resta fondamentale per ottenere la reale efficienza del mezzo partire sempre con la batteria carica e ’rabboccare’ la batteria ogni volta possibile.

Diesel, una sicurezza

Lineare e fluida la versione Diesel. Le riprese sono pronte. Con una percorrenza reale prossima ai 15 km/litro, l’autonomia teorica supera i 950 chilometri: divoratrice di asfalto.

Ultima modifica: 31 agosto 2021

In questo articolo