Audi dice addio alle compatte A1 e Q2, con l’elettrico solo alto di gamma

1599 0
1599 0

Audi uscirà dal mercato delle compatte, addio alla berlina A1 e alla crossover Q2. La Casa dei Quattro Anelli a breve termine abbandonerà il Segmento B, che permette alti numeri di mercato, ma evidentemente guadagni non in linea con le attese del Costruttore.

Audi ha bisogno di margini alti sui volumi di vendita. Anche per sostenere il passaggio alla produzione di auto elettriche, che dal 2026 prevede solo nuovi modelli a battere.

Leggi ora: Audi A1 Citycarver, prova su strada del crossover urbano

Una sfida vitale per Marchio, che ha già ufficializzato la fine della produzione di Audi A1, in produzione dal 2010 e in vendita per due generazioni. E Audi Q2, il Suv lungo 4,2 metri, non avrà una nuova serie, pur avendo riscosso un buon successo dal suo esordio sul mercato nel 2016.

Audi Q2

Niente da fare, la fine delle piccole è segnata. Ribadita da  Markus Duesmann, CEO di Audi, al magazine finanziario tedesco Handelsblatt. Non ci sono alternative. “Il nostro obiettivo è di dare precedenza ad altri segmenti. Quello che conta per il Gruppo è il risultato complessivo, quindi con modelli che pesano di più sugli utili della Casa”. 

Leggi ora: Audi Q2 2021, la prova di QN Motori

Duesmann ha un piano chiaro: sarà ampliato l’alto di gamma, che negli anni della pandemia ha incrementato i numeri per la maggior parte dei Marchi di prestigio: più guadagni permettono di programmare meglio il futuro,

Nuova ammiraglia per il 2025

Che per Audi prevede modelli sempre più esclusivi, come l’ammiraglia elettrica che sostituirà l’attuale Audi A8. “Stiamo rispettando la tabella di marcia, è attesa per il 2025”. Più auto di lusso, probabilmente meno vendite ma maggiori margini. Questa la strada di Audi, che ha una logica, ma su larga scala non è un buon viatico per l’occupazione nell’automotive.

Leggi ora: Audi, il nuovo grande Suv elettrico col restyling si chiamerà Q8 e-tron

Ultima modifica: 8 febbraio 2022