Assicurazione camper: guida alla scelta

304 0
304 0

Viaggiare in camper comporta grandi comodità  ma anche grandi disagi in caso di problemi. Avere una buona copertura assicurativa è determinante.

Si passi ora ad analizzare perché è così importante il tipo di assicurazione quando si viaggia con il camper, in particolar modi in rapporto alle altre tipologie di veicoli.

Camper e coperture assicurative

 

Quando si sceglie una assicurazione per il proprio camper è doveroso capire prima di tutto la differenza che c’è tra un camper e tutti gli altri mezzi di trasporto. Il camper non è di fatto solo un veicolo, si tratta di una vera e propria abitazione in movimento. Se è fastidioso avere problemi alla propria auto, lo è oltremodo  averli al proprio camper, in quanto fungendo da abitazione, il disagio che comporterà sarà sicuramente maggiore.

Avere una buona assicurazione in grado di coprire danni eventuali, personali o a terzi diventa quindi molto importante, a maggior ragione per  garantire la risoluzione di tutti quei piccoli problemi che possono compromettere la vacanza che si sta svolgendo.

Si passi ora ad analizzare di quali coperture non si può fare a meno se si viaggia con un camper. Coperture che nella maggior parte dei casi è possibile reperire facilmente da quasi tutte le assicurazioni specializzate.

La R.C.A. è la copertura tradizionale presente per ogni veicolo che gira su strada, e quindi deve essere presente anche e a maggior ragione per il camper di proprietà.

Non può mancare la copertura furto e incendio, che copra i danni relativi agli incendi e ai furti. Nel caso specifico dei camper bisogna prestare attenzione a determinate clausole specifiche per questo tipo di mezzo di trasporto.

La copertura per eventi sociopolitici. Per eventi sociopolitici si intende atti vandalici a seguito di manifestazioni, che possono rovinare o danneggiare il proprio mezzo di spostamento.

Copertura per eventi naturali, ovvero la copertura a seguito di calamità naturali come frane, alluvioni, ecc… ma anche di precipitazioni atmosferiche, si veda ad esempio la grandine. In questi casi bisogna tenere particolarmente in considerazione la franchigia, perché spesso si rivela insufficiente per coprire tutti i danni relativi a situazioni del genere.

Di coperture assicurative ce ne sono davvero tante tra le quali scegliere in situazioni particolari. A quelle già citate, per completare si possono aggiungere le seguenti, con l’invito a tenere sempre in grande considerazione non solo i prezzi ma soprattutto le clausole, perché sono queste ultime in caso di disagio  a fare realmente la differenza e a risolvere i problemi, se scelte opportunamente. Quindi le altre coperture che si consigliano sono:

Casco collisione; assistenza stradale; tutela giudiziaria; cristalli; infortuni conducente; R.C. capofamiglia; rivalse e manleva; sospensione assicurazione.

Ultima modifica: 1 agosto 2018