Aprilia RSV4 RF: si aggiorna la super sportiva di Noale

1003 0
1003 0

Rispetto alla serie che l’ha preceduta, Aprilia RSV4 RF è più pulita, rientrando nella categoria Euro 4, e decisamente più potente. Per Aprilia non sarà solamente il nuovo baluardo per il mercato, ma anche il mezzo con cui puntare al trono nel prossimo campionato Superbike.

Euro 4 impone ristrettezze sempre più importanti in termini di inquinamento e rumore prodotti, ma questo non vuol dire che il nuovo bolide di Noale sia meno potente, anzi è vero il contrario. I tecnici Aprilia hanno fatto un nuovo miracolo: nonostante le nuove norme sono riusciti a sprigionare ancora più potenza. Per una nuova generazione di una sportiva, d’altronde, necessariamente le prestazioni devono essere superiori rispetto alla precedente.

Aprilia RSV4 RF
La RSV4 RF punta ad essere una delle soluzioni più sofisticate e performanti del mondiale Superbike

La Aprilia RSV4 RF 2017 è un secondo al giro più veloce della precedente. Questo è stato possibile lavorando sugli attriti del motore, sull’elettronica, sulla ciclistica e sullo scarico. Il motore della nuova RSV4 RF eroga una potenza pari a 201 cavalli 115 Nm di coppia. Stiamo parlando di un V4 a 64°. La posizione di guida è ovviamente quella tipica di una sportiva, con manubri larghi, leggerezza e reattività. Gli appassionati troveranno anche il cambio elettronico che funziona in scalata e il nuovo acceleratore a joystick.

Quest’ultimo produce una corrispondenza pressoché perfetta tra azioni al manubrio e reazioni del V4. Aprilia ha ulteriormente evoluto anche il sistema anti-impennamento e freni ancora più potenti con dischi da 330 mm. Le sospensioni sono fornite da Ohlins e si caratterizzano per un funzionamento ancora più raffinato. Noale continua sulla sua strada di sospensioni non attive, perché pensa che l’elettronica non comporti vantaggi prestazionali così importanti da giustificare un passaggio di questo tipo. La RSV4 RF punta così ad essere una delle soluzioni più sofisticate e performanti del mondiale Superbike.

Ultima modifica: 28 marzo 2017

In questo articolo