Altri modelli su piattaforma Giorgio oltre ad Alfa Romeo Giulia e Stelvio

1612 0
1612 0

La piattaforma modulare Giorgio è stata molto costosa, quindi che venga adottata su molte auto di medio/grandi dimensioni del gruppo FCA era tutto fuorché imprevedibile. Adesso lo conferma lo stesso Sergio Marchionne in un’intervista ad Automotive News. L’amministratore delegato di FCA ha, infatti, dichiarato che Alfa Romeo Giulia e Alfa Romeo Stelvio rappresentano solamente la prima generazione di auto firmate FCA ad adottare la nuova piattaforma Giorgio.

La base meccanica dei nuovi berlina e SUV del Biscione sarà usata in molti altri modelli del Gruppo come Dodge Charger e Challenger per quanto riguarda il mercato americano. FCA impiegherà Giorgio anche sulla Jeep Grand Cherokee, per la probabile Alfa Giulia Sprint, diverse Maserati e la nuova ammiraglia Alfa, che secondo i rumor potrebbe chiamarsi Alfetta.

Per quanto riguarda la linea Maserati, l’avveniristica piattaforma Giorgio avrà un’applicazione su tutti i modelli, ovvero Quattroporte, Ghibli, nuova GranTurismo e Alfieri, in arrivo a partire dal 2018.

“Fin dal primo momento della pianificazione dell’investimento per lo sviluppo della Giulia abbiamo tenuto conto di come poter estendere i benefici tecnologici all’intero Gruppo FCA”, ha detto Marchionne. Non ci resta, quindi, che attendere gli annunci ufficiali.

Ricordiamo che Alfa Romeo Giulia è arrivata sul mercato nel secondo trimestre del 2016, per il tripudio degli appassionati, mentre il debutto di Stelvio è ormai imminente.

Ultima modifica: 10 febbraio 2017