Il ritorno della mitica Alpine A110. Su strada e in pista grinta da vendere | VIDEO

1679 0
1679 0

Compatta, leggera, agile. A distanza di cinque anni dall’annuncio da parte del Gruppo Renault, è arrivato il momento del debutto della nuova Alpine A110. Degna erede di quell’auto che negli anni 70 faceva girare la testa per la sua bellezza e per la vittoria del campionato del mondo rally del 1973 e della 24 ore di Le Mans nel 1978.

Alpine A110 Premiere Edition

Non è un’operazione nostalgica di facciata, un modello che dietro uno stile e un nome del passato propone valori diversi. No, quelli di Renault hanno costruito una divisione autonoma. Che ha saputo replicare in chiave moderna proprio i valori di una sportiva pura, senza compromessi, come non se ne vedono molte in giro. Riattivando la produzione proprio nello storico stabilimento di Dieppe in Normandia, dove venivano prodotte le Alpine degli anni ’70.

Esteticamente, nella parte anteriore questa A110 richiama direttamente la storica antenata a partire dai proiettori circolari supplementari che sembrano aggiunti dopo. La coda invece è tutta nuova ma anche qui, si distingue dalla massa (delle sportive) per l’assenza di uno spoiler del quale può fare a meno. Questo grazie al fondo piatto che permette di gestire i flussi aerodinamici “da sotto”.

Lunga appena 418 cm, larga 180 e alta 125, Alpine A110 è davvero compatta e raggiunge un cx aerodinamico di 0,32. Leggera, grazie alla scocca interamente in alluminio e all’eliminazione di tutto il superfluo, pesa appena 1.080 kg con i pesi distribuiti al 44% nell’anteriore e al 56% nel posteriore.  Dove alloggia il motore, 1.8 Turbo quattro cilindri da 252 CV. Che permette di fare 0-100 km/h in 4,5 secondi e ferma la velocità massima a 250 km/h solo per l’autolimitatore.

Dentro l’abitacolo spartano solo all’apparenza, materiali pregiati e ottime rifiniture,. Posizione di guida sportiva ma comoda, cambio doppia frizione a 7 marce Getrag. Dotato di palette in alluminio, tasto per il settaggio della guida (Normal, Sport e Race) sul volante.

Alpine 110: come va

In attesa delle versioni di serie, abbiamo provato su strada e in pista la Première Edition, 1.955 esemplari per il lancio venduti a 58.500 euro in soli cinque giorni. Grande soddisfazione sulle strade di tutti i giorni. Dove questo modello riesce ad essere confortevole persino in città con il manto dissestato. Salvo scatenarsi e sprigionare la sua potenza appena le strade si fanno più impegnative. Il vero piacere di guida però si apprezza in pista. Dove vengono fuori tutte le sue doti di sportiva leggera, agilissima ma allo stesso tempo attaccata all’asfalto.

Antonio Calitri

Ultima modifica: 4 gennaio 2018

In questo articolo