Alfa Romeo crossover compatto il 24 giugno per i 110 anni del Biscione?

844 0
844 0

Il regalo per il 110° anno dalla fondazione sarà un nuovo modello? Alfa Romeo il 24 giugno 2020 celebrerà l’importante anniversario. Una data storica per il Biscione, che segnerà anche il primo lustro dalla “nuova era”.

Cinque anni fa, il 24 giugno 2015, un orgogliosissimo Sergio Marchionne presentò a Balocco l’affascinante Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio. La vettura di nuova concezione, piattaforma Giorgio, motore V6 da 510 cv di origine Ferrari, albero di trasmissione in fibra di carbonio.

Alfa Romeo SUV compatto il modello dopo l'addio di MiTo - Bozzetto Alfa Kamal 2003
Alfa Romeo SUV compatto – Bozzetto Alfa Kamal 2003

Il prossimo 24 giugno sarà diverso. Arriverà dopo l’accordo di fusione tra FCA e PSA. Il piano industriale di Alfa Romeo dopo il pesante ridimensionamento dello scorso novembre non è stato ritoccato.

Se Tonale sarà mostrato a marzo al Salone di Ginevra nella versione di produzione resta in scaletta un altro modello per il 2021-22. Alfa Romeo SUV compatto: con un nome ancora da ufficializzare, ma con la certezza dell’arrivo.

Alfa Romeo crossover su piattaforma CMP?

Lungo circa 4,2 – 4,3 metri, non a caso con dimensioni simili a Peugeot 2008, dal quale presumibilmente mutuerà il piattaforma CMP (Common Modular Platform). Che permette anche di utilizzare un powertrain completamente elettrico, come è il caso del crossover del Leone. Proposto nelle motorizzazioni Diesel, benzina e a batteria.

Leggi anche: Peugeot 2008, la prova su strada di QN Motori

Alfa Romeo 4C Concept

C’è spazio per un fuoriprogramma?

E la sportiva Alfa Romeo? Abbandonati i sogni di nuove 8C, 6C o GTV, sarà Maserati a cambiare l’alto di gamma FCA, il futuro del Biscione pare definito da modelli meno estremi.

Ma non è detto. Una serie speciale, grazie anche alle sinergie con PSA, che ha già ben industrializzato i powertrain plug-in hybrid, potrebbe riservare una sorprese.

Alfa Romeo SUV compatto per il 24 giugno per i 110 anni del Marchio?

Ultima modifica: 30 gennaio 2020

In questo articolo