Alfa Romeo Stelvio my 2020, la prova su strada | VIDEO

1124 0
1124 0

Alfa Romeo Stelvio 2020 si aggiorna, mantiene stile e qualità di guida e risolve le sue lacune storiche. Ovvero tecnologia a bordo, dotazione e qualità die materiali.

Un bel colpo di spugna per il SUV del Biscione, che arriverà sul mercato a gennaio, con prezzi lievemente più alti (a partire da circa 50.000 euro) in virtù di dotazioni più avanzate.

Il dinamismo è rimasto, giustamente, intatto, come il design: sempre originale, per il nuovo corso bisognerà aspettare Tonale nel 2021. A quel punto i cambiamenti di stile (nel frontale e nella coda) ci saranno anche per Stelvio e Giulia.

Dati tecnici Stelvio 2020

Stelvio si presenta con una superiore qualità percepita degli interni. Appena a bordo mostra un inedito volante, più ergonomico e i tunnel centrale aggiornato. La leva del cambio presenta una nuova foggia con il tricolore alla base, fiero riferimento alle radici del modello.

Sono stati ricavati vani, e i comandi, compresa la rotella – la rotary pad – di gestione dell’infotainment, al tocco risultano solidi e più efficaci. Nel vano centrale arriva anche la ricarica wireless per gli smartphone. Anche questa ci voleva

Al centro della plancia ecco il display da 8,8 pollici con una grafica (Marelli) molto più raffinata. Il navigatore è più fruibile e soprattutto offre una gestione più facile.

Con i widget, le schede, che permettono una gestione a scorrimento. Lo schermo touch è personalizzabile come la home page di uno smartphone. La doppia possibilità di comando, col display a tocco e con la rotella sul tunnel, regala una funzionalità apprezzabile.

Migliorie anche per la strumentazione, che con lo schermo TFT da 7 pollici, tra tachimetro e contagiri analogici – per scelta votata a soddisfare la sportività richiesta dai clienti, confermano in Alfa – è ri-configurabile.

E offre più informazioni, dedicate anche all’assistenza alla guida. In questo Stelvio, al pari di Giulia, fa il vero salto in avanti. Gli ADAS, a richiesta, permettono la guida assistita di livello 2.

E Alfa, da fanalino di coda o quasi diventa pioniera per FCA in questo genere. Grazie soprattutto al Traffic Jam Assist e allo Highway Assist, attivabili e gestibili dalla razza sinistra del volante.

Sono operativi grazie all’Active Cruise Control e controllano anche la guida laterale, mantenendo la vettura al centro della corsia in condizioni di traffico intenso, Traffic Jam Assistant da 0 a 60 km/h in città e in extraurbano, e fino a 145 km/h in autostrada con l’Highway Assist.

Stelvio, la prova su strada di QN Motori del 2017

A questi si sommano il Lane Keeping Assist, il Blind Spot assist, che non segnalano soltanto, ma sono attivi, intervenendo sulla vettura, e il Driver Attention Assist, che coglie le distrazioni del guidatore. Chiude la parata il Traffic Sign Recognition che assieme al cruise control può regolare la velocità di Stelvio leggendo i cartelli stradali.

Alfa Romeo Stelvio 2020

Connettività. Altra evoluzione dedicata a comfort e sicurezza, cambia passo.

Con My Assistant per la chiamata SOS che in caso di incidente o emergenza. Con My Remote per controllare a distanza via smartphone smartwatch, My Navigation per la ricerca della destinazione e dei punti di interesse (POI) e per gli avvisi in tempo reale sulle condizioni traffico, meteo e autovelox.

My Wi-Fi permette di condividere la connessione internet a bordo fino a otto dispositivi. My Theft Assistance, che avvisa il proprietario in caso di tentato furto e My Fleet Manager, destinato alla gestione delle flotte.

Cresce anche la gamma, con questi allestimenti: base, Super, Business ed Executive per le flotte commerciali, Ti, Sprint, Veloce, questo è il vero esordio, e Veloce Ti con Alcantara che veste la parte centrale dei sedili. I motori non sono stati toccati, la potenza varia da 160, 190 e 210 cavalli per i Diesel e da 200 e 280 cv per i benzina: la trazione può essere posteriore (per i 160 e 190 cv) o integrale. Il cambio è per tutte l’ottimo automatico ZF a otto marce.

Arrivano nuovi colori per la carrozzeria, separati per famiglie. Competizione con le vernici tristrato Bianco Trofeo e Rosso Competizione. Metal con Verde Visconti, Grigio Vesuvio, Grigio Stromboli, Grigio Silverstone, Grigio Vulcano, Blu Misano, Blu Montecarlo oltre ai i nuovi Blu Anodizzato e Bianco Lunare. Solid con Bianco, Rosso Alfa. Old Timer con l’iconico Ocra GT Junior e dal raffinato Rosso 6C Villa d’Este disponibili da metà dell’anno prossimo.

Anche Stelvio Quadrifoglio 2020 arriverà tra qualche mese. Una versione attesa, degna di celebrare i 110 anni di Alfa Romeo, che festeggerà tutto il prossimo anno, ovviamente anche alla 1000 Miglia. Il SUV nella sua versione più prestazionale è un successo inatteso, con il 6/7% del totale sulle vendite.

Alfa Romeo Stelvio 2020, eccellente su strada

Provata sulle strade della Puglia, tra la costa di Bari, gli scogli di Polignano, Monopoli e l’entroterra di Alberobello, Stelvio s’è confermata un SUV dal comportamento eccellente. Gli accorgimenti hanno riguardato anche l’insonorizzazione dell’abitacolo: un buon passo in avanti.

Il comportamento eccellente, a tratti esaltante è rimasto, in ottima alternanza con i sistemi di assistenza, puntuali e non apprensivi quando il traffico si fa pesante o la stanchezza provoca distrazioni.

Lo sterzo, affinato in manovra, resta eccezionale nel misto e in velocità. Non spostare una virgola in questo caso è stata la scelta migliore. Ottenendo una sintesi tra piacere e sicurezza che non teme davvero rivali, anche tra la concorrenza più altolocata.

Tutte le motorizzazioni hanno qualcosa per soddisfare appieno: lo scatto e il suono del benzina da 280 cavalli, la progressione dal Diesel da 210 con la sua esuberante coppia da 470 Nm.

Ultima modifica: 26 novembre 2019

In questo articolo