Alfa Romeo, solo auto elettriche dal 2027, anche il grande Suv

788 0
788 0

Il Biscione non tornerà più indietro. Dal 2027 Alfa Romeo sarà al 100% elettrica, nemmeno un modello nuovo sarà ibrido, tecnologia che è stata appena adottata su Tonale.

La conferma è di Jean-Philippe Imparato, il Ceo del Biscione, che ha tolto ogni dubbio a Pomigliano d’Arco durante un evento per illustrare alla stampa la qualità della produzione del primo modello elettrificato del Marchio.

Jean-Philippe Imparato

Alfa Romeo, quale futuro

La sorte del motore endotermico è segnata”. Non ha usato mezzi termini.  La normativa Euro 7, attesa per il 2027, renderà troppo costoso produrre delle vetture ibride capaci di ridurre del 75% le emissioni di CO2. Troppo alto il prezzo dello sviluppo per poi rimanere sul mercato per poco tempo.

Imparato ha confermato che il grande Suv Alfa Romeo, concorrente di BMW X5 e compagnia cantante, sarà solo in versione elettrica. D’altronde Maserati Grecale Folgore, il Suv full electric del Tridente, atteso nel 2023 e di dimensioni simili, nascerà proprio sulla piattaforma Giorgio, nata con Alfa Romeo Giulia e Stelvio, adattata nella versione solo a batterie, da 105 kWh nel caso.

Maserati Grecale Folgore piattaforma Giorgio elettrica batteria 105 kWh
Maserati Grecale Folgore, la piattaforma Giorgio elettrica con batteria 105 kWh

L’ultima con anche motore endotermico sarà Brennero?

Imparato ha parlato anche del B-Suv, più compatto di Tonale, che sarà anche l’ultima Alfa con motore ibrido: sarà lanciata nel 2024 assieme alla versione elettrica.

Un cambio epocale, con Imparato che spinge sulla qualità da rendere eccellente su tutti i modelli. Su una gamma di vetture più grandi per arrivare in America e in Cina.

Alfa Romeo non deve portare numeri, deve creare valore margini. Nel 2022 proveremo a raddoppiare le 56.000 vetture vendute nel 2021. Ma il nostro Gruppo ha bisogno della profittabilità di Alfa Romeo. Della sua qualità e del valore del Costruttore. Vogliamo essere il Marchio globale di lusso di Stellantis”.

Ultima modifica: 29 marzo 2022