Alfa Romeo Giulietta 2023, come potrebbe essere la nuova compatta

2538 0
2538 0

Alfa Romeo 147 ha vinto Car of the Year nel 2001, la terza serie di Giulietta è rimasta in produzione dal 2010 al 2020. Le due segmento C (compatte) del Biscione nelle ultime due decadi sono state vetture importanti.

L’arrivo di Tonale il prossimo giugno, ultima eredità tecnica di FCA, rimetterà una Segmento C nella gamma Alfa. Si tratterà di un SUV, la berlina a cinque porte, che in Europa chiamano hatchback, è ancora un modello molto apprezzato.

A proposito di Stellantis, lo confermano le nuove Peugeot 308 (prova di QN Motori), Opel Astra (primo contatto) e DS 4 (la prova).

Il banco organi di Stellantis

Tutte realizzate sulla piattaforma EMP2, al momento disponibili con le motorizzazioni benzina, diesel e ibrida plug-in. L’architettura multi-energia permetterà dal 2023 l’arrivo su mercato anche delle versioni 100% elettriche dei modelli.

L’identikit calza a pennello anche per la quarta generazione di Giulietta. Invocata dagli appassionati e teoricamente in grado quei numeri di mercato che poi potrebbero permettere la realizzazione di nuove Alfa Romeo puramente emozionali, come GTV e Spider elettriche.

A marzo 2019 il concept di Tonale al Salone di Ginevra ha mostrato un nuovo stile. Richiamando i fari a tre moduli, ma questa volta a Led, del passato e alcuni concetti stilistici della GT Junior.

La Alfa Romeo Giulietta 2023 raffigurata da Lorenzo Prati (LP Design) evidenzia questo design. Con più dettagli muscolari e appendici aerodinamiche, trattandosi della ipotetica versione Quadrifoglio. Il risultato non è affatto male.

Alfa Romeo Giulietta 2023 credits LP Design

Alfa Romeo Giulietta 2023 credits LP Design

Ultima modifica: 29 novembre 2021