Alfa Romeo Giulia trionfa agli Sport Auto Award 2017

3257 0
3257 0

Alfa Romeo Giulia trionfa agli Sport Auto Award 2017. Doppiamente premiata dai lettori della rivista “Sport Auto” nel cui concorso si sono sfidati 234 modelli in 25 categorie e hanno votato 13.211 lettori.

Due vittorie agli “Sport Auto Award 2017”

Siamo particolarmente fieri di aver vinto ben due titoli con Alfa Romeo Giulia“. Queste le parole del Brand Manager Rebecca Reinermann alla cerimonia di premiazione tenutasi a Stoccarda. Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio, versione al top della gamma dotata di motore a benzina V6 turbo da 510 CV, ha vinto tra i veicoli di importazione nella categoria “Berline/Station Wagon di serie fino a 100.000 euro“.

Alfa Romeo Giulia trionfa agli Sport Auto Award 2017

La Alfa Romeo Giulia 2.0 Turbo Veloce, motorizzata con un benzina turbo da 280 CV, è stata eletta miglior veicolo di importazione nella categoria “Berline/Station Wagon di serie fino a 50.000 euro” dai lettori della rivista “sport auto”.

Entrambi i modelli di Alfa Romeo Giulia hanno conquistato i primi posti anche nella classifica generale delle rispettive categorie. Arrivando ciascuna al terzo posto, hanno battuto diverse concorrenti tedesche in questa rinomata indagine fra i lettori. “I lettori di ‘sport auto’ hanno reso omaggio soprattutto alle caratteristiche dinamiche di ciascuna concorrente. Per questa ragione entrambe le versioni di Alfa Romeo Giulia si sono guadagnate il titolo più importante“.  Ha aggiunto Rebecca Reinermann.

Alfa Romeo Giulia Veloce, trazione integrale, diesel da 210 cv, benzina da 280 cv
Alfa Romeo Giulia Veloce, trazione integrale, benzina da 280 cv (diesel 210 cv)

Questa berlina sportiva tutta italiana è stata realizzata da persone che puntano a prestazioni elevate in un’auto dalla personalità forte. Alfa Romeo Giulia soddisfa tali requisiti. Grazie al design tipicamente italiano, ai motori potenti, alla carrozzeria, alla motorizzazione e ai componenti delle sospensioni realizzate in lega o addirittura fibra di carbonio, a una distribuzione ottimale del carico (prossima al 50:50 tra assale anteriore e posteriore) e al rapporto elevato tra potenza e peso.

Ultima modifica: 13 ottobre 2017