Alfa Romeo Giulia 2020, prova su strada e le novità | VIDEO

973 0
973 0

Alfa Romeo Giulia 2020 è sempre puro piacere di guida. Pronta e sicura, precisa come un bisturi, ma ora dalla sua ha anche gli ADAS e un infotainment  di livello. E un abitacolo globalmente meglio rifinito e funzionale.

L’abbiamo provata con Stelvio (leggete tutte le novità dei nuovi modelli) e offre le stesse caratteristiche. Gli ADAS che permettono la guida assistita di livello 2, la qualità generale degli interni migliorata ed un infotainment fruibile ed evoluto.

Cavaggioni anticipa il futuro di Alfa Romeo: Tonale, il design, l’elettrificazione

La berlina del Biscione è un’auto votata al piacere di guida: nello specifico, elegantissima nella livrea Verde Visconti.

Al pari del suo fratello a “ruote alte” sfodera un carattere speciale. La differenza sta nelle motorizzazioni, Giulia parte dal 2.2 Diesel da 136 cavalli, passando per il 160, il 190 a il 210 cv della famiglia Veloce.

Dati tecnici Giulia 2020

I benzina restano sempre i 200 (posteriore) e 280 cavalli (integrale). Più avanti  arrierà Giulia col 250 cv a trazione integrale e 280 cv a trazione posteriore.

Alfa Romeo Giulia 2020

Nella versione Giulia Veloce Ti benzina, sfoggia parte centrale dei sedili in Alcantara, per il resto in pelle come la plancia, gli inserti in legno, la cornice finestrini cromata. E inoltre: pedaliera in alluminio, volante, ugelli e sedili elettrici a 8 vie riscaldati. Una sportiva di classe.

Alfa Romeo Giulia 2020, la potenza del benzina

Uno dei punti forti resta il motore 2 litri da 280 cavalli spinge benissimo (400 Nm di coppia a 2.250 giri), rendendo facile ogni percorso . L’eccezionale accelerazione (5,2 secondi dichiarati nello 0-100 km/h) permette sorpassi fulminei.

Ma Giulia, se non si pigia a tavolate, resta sempre ovattata da una insonorizzazione efficace. Arriverà anche Giulia Quadrifoglio 2020, ma più avanti nel corso del prossimo anno. Garanzia di piacere supremo al volante, Giulia è una berlina speciale. Le mode del mercato di certo non la premiamo, ma regala un’esperienza di guida di rara soddisfazione.

Ultima modifica: 2 dicembre 2019

In questo articolo