Alfa Romeo, futuro di novità grazie alla fusione FCA-PSA?

1442 0
1442 0

Il futuro di Alfa Romeo pare meno oscuro in seguito alla fusione tra FCA e PSA. La nascitura società ha messo d’accordo le borse: le premesse sembrano positive.

Alfa Romeo, futuro di novità grazie alla fusione FCA-PSA?

Carlos Tavares nelle scorse settimane aveva escluso la chiusura di qualsiasi Marchio. Ci sono Case con forti radici nazionali, una base sui cui costruire successo”. Ha dichiarato ieri Mike Manley nella conference call.

Manley avanti col piano Italia «FCA aperta a nuove alleanze» John Elkann
Mike Manley, John Elkann e Alfa Romeo Tonale

Alfa potrebbe far parte di un nuovo “polo del lusso”. Da parte francese l’unica Casa papabile è DS. Ma si tratta di una storia nata da pochi anni e non ancora decollata. Sono tre invece le italiane. Alfa Romeo, Lancia e Maserati. Lancia è rimasta solo con Ypsilon (pur sempre performante in Italia), Maserati è già nel pieno di un piano industriale di rilancio.

Il Biscione però è reduce da un 2019 non incoraggiante. Con Stelvio e Giulia come unici alfieri a breve termine, Giulietta prossima al commiato e in attesa del SUV compatto, anche plug-in hybrid, Tonale. E più avanti dello sport utility del segmento B anche al 100% elettrico. Che potrebbe derivare da Peugeot 2008.

Accordo FCA PSA fusione firma Manley Tavares 2
Carlos Tavares e Mike Manley

Leggi anche: nuovo Peugeot 2008, la prova su strada di QN Motori 

Carlos Tavares ha annunciato lelettrificazione per tutti i modelli della gamma entro il 2021. Il piano potrebbe essere sputare per Alfa Romeo, che aveva in tabella l’esordio della versione plug-in ibrida di Tonale a fine 2021 e le versioni elettrificate per Giulia e Stelvio solo dopo.

Leggi anche: Cavaggioni racconta il futuro di Alfa Romeo 

La nuova società dovrebbe portare risorse aggiuntive economie di scala, piattaforme condivise,. In particolare per i segmenti B e C, dove Alfa sta lasciando campo libero (l’addio a MiTo e il prossimo a Giulietta) sono fattori che lasciano spazio a scenari non banali.

La nuova gamma 2020 di Giulia e Stelvio

Essendo Maserati di fascia di prezzo e dimensioni più alti, è verosimile ipotizzare che Alfa Romeo costituirà assieme a DS il duo premium/sportivo per le vetture compatte e medie. Ovvero il segmento B, C e in parte anche D.

Leggi anche: Giulietta, la prova su strada dell’ultima samurai

Numeri da cambiare

La coppia per adesso stenta. DS da gennaio a novembre 2019 ha immatricolato in Europa 43.950 vetture (+5,9%). Alfa Romeo 46.932 (-37,5%), pagando un calo notevole, ma avendo un prezzo medio (e teoricamente utili) più alto. Ma questi non sono numeri che generano profitti.

DS3 Crossback E-Tense

Il fascino di Alfa Romeo, il retaggio e l’emozione che provoca non sono in discussione. La nuova dirigenza, con Tavares e anche Manley sono davanti a una sfida difficile. Dove non è riuscito, pur con grandi slanci, Sergio Marchionne. Ma la nuova società FCA-PSA ha più risorse, senza alcun dubbio.

Alfa Romeo Tonale
Alfa Romeo Tonale, il C-SUV arriverà nel 2021.

Ultima modifica: 20 dicembre 2019