Alfa Romeo elettrica, la prima sarà una GTV Quadrifoglio?

823 0
823 0

La prima Alfa Romeo completamente elettrica, che potrebbe prevedere anche una variante prestazionale con denominazione Quadrifoglio, arriverà sulle strade nel 2024.

Lo ha prefigurato Jean Philippe Imparato, Ceo del Marchio, che cerca di tenere alta la fiamma dell’interesse nonostante mesi molto difficili sul mercato, al magazine inglese Autocar.

Nel 2024 lanceremo la prima BEV di Alfa Romeo. La vettura avrà un trim, ma due motorizzazioni. Una elettrificata (ibrida) e una completamente elettrica. Per tutti i modelli che lanceremo (cinque nei prossimi cinque anni) valuteremo se proporre una versione prestazionale, coerente con la nostra gamma di prodotti. Ci sarà una Quadrifoglio se offrirà adeguati livelli prestazionali”.

Alfa Romeo - Jean Philippe Imparato modelli Cassino Pomigliano Alfa Romeo, un modello nuovo ogni anno fino al 2026
Jean Philippe Imparato in vista agli stabilimenti Alfa Romeo

Duetto elettrica?

Imparato tiene fede allo spartito degli ultimi mesi. Con qualche acuto, come il ribadire della volontà di fare rinascere Alfa Romeo Duetto in versione elettrico, ma in subordine a un aumento delle quote di mercato.

Alfa Romeo Spider "Duetto", 1966 A cielo aperto, la spider più famosa di sempre. Icona dell'automobile e del Marchio.
Alfa Romeo Spider “Duetto”, 1966:  la spider più famosa. Icona dell’automobile e del Marchio.

Quadrifoglio per GTV?

Autocar prefigura una GTV (finalmente …) a due posti o nella formula 2+2. Che dovrebbe nascere sulla piattaforma Stellantis dedicata a questa categoria, la STLA Large.

Realizzata per modelli con autonomia fino a 800 km (lunghezza 4,7-5,4 metri) con uno o due motori elettrici della categoria Edm #3, capaci di potenza singola fino a 449 cavalli (partendo da 204 CV). Propulsori che sono sviluppati con la consulenza degli ingegneri di Alfa Romeo.

Nel 2027 tutta Alfa Romeo, in Europa, proporrà solo modelli elettrici.

Alfa Romeo GTV
Alfa Romeo GTV, render del 2018

Leggi ora: Alfa Romeo Giulia, sempre amata in Germania

Ultima modifica: 8 novembre 2021