Alfa Romeo celebra i record al Nurburgring, da Nuvolari a Stelvio

2570 0
2570 0

Alfa Romeo celebra i record al Nurburgring, da Tazio Nuvolari a Stelvio Quadrifoglio. La Nordschleife, nota e leggendaria anche come Green Hell (Inferno Verde) sin dal 1927, quando è stata inaugurata, è uno dei tracciati che più rappresentano l‘essenza delle corse automobilistiche. Le prestazioni estreme.

Sui 20,832 km del tracciato. le 174 curve, 89 a sinistra e 85 a destra, il solo rettilineo di circa 4 km e terribili salti dell'”Inferno Verde”, Alfa Romeo molte volte è stata leggendaria.

Alfa Romeo celebra i record al Nurburgring, Nuvolari 1935
Alfa Romeo celebra i record al Nurburgring, Tazio Nuvolari 1935

Dal 31 marzo il Museo Storico Alfa Romeo di Arese omaggia il mito con la mostra “Nürburgring Records“. Esposte le auto recenti che hanno ottenuto i migliori risultati nelle rispettive categorie. A cominciare da Stelvio. Che nel settembre 2017 si è aggiudicato il titolo di SUV più veloce del mondo. Stabilendo il nuovo record di categoria.

I bolidi di oggi, le Quadrifoglio e 4C

Stelvio ha percorso gli oltre 20 chilometri della Nordschleife (anello nord) nel tempo record di 7 minuti, 51 secondi e 7 decimi.  Ci sono Giulia Quadrifoglio cambio manuale che ha chiuso il giro in 7′ 39” nel settembre 2015. E Giulia Quadrifoglio con cambio automatico ad otto rapporti che ha girato al Nürburgring in 7′ 32“. Tempo che campeggia sul cofano, insieme alla sagoma del circuito e alle firme del pilota e dello staff che ha lavorato alla preparazione della vettura. Infine, la 4C nella versione sperimentale che ha segnato il tempo di 8’04” nel 2013. Performance record tra le vetture con potenze inferiori ai 250 cavalli.

Alfa Romeo celebra i record al Nurburgring, Stelvio Quadrifoglio 2017
Stelvio Quadrifoglio 2017, il record per i SUV

Un itinerario all’interno del museo collega idealmente i record odierni a quelli della storia Alfa Romeo. Dalla vittoria di Rudolf Caracciola nel 1932 con una Gran Premio Tipo B poco più che debuttante e già imbattibile. Fino all’impresa di Tazio Nuvolari nel 1935.

Dalla Giulia Sprint GTA di Andrea De Adamich che nel 1966 porta per la prima volta il tempo di una Turismo di soli 1570 cc sotto i 10 minuti. Fino alla straordinaria vittoria di Larini che nel 1993 si aggiudica il DTM grazie proprio alle curve del Nürburgring. Il mito che si presenta all’appuntamento con la storia.

Alfa Romeo celebra i record al Nurburgring, Larini 1993
Nicola Larini trionfa nel 1993

Le serie speciali

Si torna, infine, all’oggi con le due serie speciali a tiratura limitata Nürburgring Edition – Stelvio Quadrifoglio “Nring” e Giulia Quadrifoglio “Nring” – dedicate al circuito e celebrative dei record conseguiti nelle rispettive categorie. Saranno esposte al Motor Village Arese, lo showroom del marchio che affianca il Museo storico Alfa Romeo.

Prodotte ciascuna  in sole 108 unità – come gli anni di Alfa Romeo – presentano contenuti esclusivi. Come il badge numerato nell’inserto della plancia in fibra di carbonio, e l’inedita livrea Grigio Circuito. E ancora  i freni carbo-ceramici, i sedili sportivi Sparco con cuciture rosse e guscio in carbonio, il pomello del cambio automatico con inserto in carbonio firmato da Mopar, il volante in pelle e alcantara anche questo con inserti in carbonio. Entrambe spinte dall’eccezionale 2.9 V6 Bi-Turbo benzina da 510 cavalli di origine Ferrari.

Alfa Romeo celebra i record al Nurburgring, Stelvio Quadrifoglio Nurburgring Edition
Stelvio Quadrifoglio Nurburgring Edition

Ultima modifica: 3 aprile 2018

In questo articolo