ACI sulla giornata in ricordo delle vittime della strada

222 0
222 0

L’anno scorso, nel nostro Paese, si sono verificati 172.553 incidenti stradali3.334 persone hanno perso la vita e 242.919 sono rimaste ferite. Parliamo di 473 incidenti, 666 feriti e 9 morti al giornoI più colpiti sono i giovani tra 15 e 24 anni: 414 morti, il 12,4% del totale. Ma c’è un dato ancora più inquietante: i morti tra i 15 e i 19 anni sono aumentati, addirittura, del 26,1%. Un bilancio drammatico e inaccettabile, con costi sociali che superano i 18 miliardi di euro l’annopari all’1,1 per cento del PIL. Quasi una ‘Finanziaria’.

Per trasformare un momento di profondo dolore in un’occasione per contribuire concretamente alla sicurezza delle nostre strade, l’ACI propone cinque semplici regole, che possono aiutare a combattere le principali cause di incidente – distrazione, velocità, alcol e droga, mancato uso di cinture e seggiolini per bambini, scarsa attenzione a pedoni e due ruote – e fare la differenza tra far sì che la vita duri tutta la vita e perderla.

  • LA DISTRAZIONE E’ UN ATTIMO: L’ULTIMO
  • RALLENTA. TANTO NON SI VINCE NIENTE. 
  • SE TI SBALLI E GUIDI SEI FUORI STRADA. CERTI LEGAMI ALLUNGANO LA VITA.
  • CINTURE E SEGGIOLINI: ALLACCIATI. SEMPRE.
  • UTENTI VULNERABILI: PIÙ SONO DEBOLI PIÙ I RISCHI SONO FORTI. RISPETTIAMOCI.

La Giornata Mondiale in ricordo delle vittime della strada non deve ridursi alla doverosa partecipazione al dolore di migliaia di famiglie ma, deve trasformarsi in un momento di riflessione su un fenomeno drammatico, che non possiamo e non dobbiamo considerare un tributo fisiologico e inevitabile al nostro bisogno di mobilità”, ha dichiarato il Presidente dell’Automobile Club d’Italia, Angelo Sticchi Damiani.

L’obiettivo ‘zero morti sulle strade’ – ha sottolineato il Presidente dell’ACI – non è utopia. È realtà. Una realtà ancora lontana, è vero, ma una realtà. Gli incidenti sono errori drammatici, non tragiche fatalità. Si possono e si devono evitare. La chiave è una sola. L’educazione alla sicurezza. Per salvare un numero sempre maggiore di giovani vite, l’ACI è da sempre impegnato nell’educazione dei giovani – in particolare futuri e neo-patentati – a una mobilità sicura e responsabile. Sia supportando i programmi dedicati nella formazione scolastica. Sia potenziando gli strumenti formativi di supporto all’insegnamento e al perfezionamento della guida”.

I problemi con i giovani sono essenzialmente due”. Ha evidenziato Sticchi Damiani. “Prima di prendere la patente, tendono a sovrastimare le loro capacità e, una volta presa la patente, tendono a sottostimare i rischi che capita di dover affrontare sulle nostre strade. Per questo, i corsi di guida sicura svolgono un ruolo fondamentale: perché fanno toccare con mano, anche a quei ragazzi che si ritengono già esperti, i loro limiti e le loro fragilità, prima che sia un evento drammatico, se non addirittura tragico, a dimostrarle, quando, ormai, per loro non c’è più niente da fare”.

Le conclusioni del Presidente ACI

“Le statistiche 2018  dimostrano che non bisogna mai abbassare la guardia. Ma continuare a intensificare gli sforzi. Per questo il nostro impegno nel prevenire e limitare l’incidentalità stradale crescerà ancora. Attraverso un aggiornamento costante di contenuti e metodologie formative e divulgative, e una collaborazione sempre più stretta con tutti gli operatori del settore, istituzionali e no, nella consapevolezza che solo facendo squadra si potrà controllare, arginare e, finalmente, debellare questa drammatica emergenza sociale”.

Angelo Sticchi Damiani - Presidente ACI
Angelo Sticchi Damiani – Presidente ACI

Ultima modifica: 17 novembre 2019