AsConAuto, in crescita il primo semestre dell’anno

167 0
167 0

AsConAuto è diventata negli  anni, dalla fondazione nel 2001, una realtà consolidata e diffusa  in  modo  capillare sul territorio italiano e l’Associazione è ormai  riconosciuta come garanzia di affidabilità, competenza e professionalità dal mercato.  Scelte strategiche e di successo ne hanno caratterizzato l’attività dalla nascita. L’Associazione ha nel tempo realizzato  e perfezionato un disegno imprenditoriale – ispirato inizialmente dai soci fondatori, potenziato e realizzato dagli imprenditori eletti per condurre le attività associative – che è diventato un modello di progetto di successo, riconosciuto  come prototipo esemplare in Europa.

Unico servizio logisticounica rete commerciale, autonomia e rispetto delle aree di competenzastrumenti originali e innovazione al servizio dello sviluppo della rete e della qualità e professionalità  degli aderenti in una logica di crescita che focalizza su nuove esigenzecomportamenti  e trend del mercato globale con riferimento alle specifiche esigenze del consumatore  singolo, delle case automobilistiche, delle flotte, degli autonoleggi, degli autoriparatori e, in genere,  sulla centralità  del ricambio originale, sigillo e sinonimo di qualità e sicurezza per gli addetti ai lavori e per gli automobilisti.

Usare ricambi originali è anche la migliore garanzia contro la diffusione di ricambi contraffatti, che hanno una pericolosa contiguità con il mondo della truffa e rappresentano una  sorta di attentato alla sicurezza degli automobilisti.

La creazione di sistemi specializzati, adeguati a esigenze logistiche diversificate, in un processo  innovativo  e tecnologico continuativo di valorizzazione delle risorse al servizio dell’automobilista e del mondo automotive, ha favorito  la creazione e lo sviluppo associativo, assicurando negli oltre 18 anni di attività  livelli di servizio  professionale permanenti, risultati economici di  sicuro rilievo e in crescita costante, malgrado la crisi  significativa  vissuta tra il 2009  e il 2015 dal settore automotive che ha visto  chiudere  circa  il 40 per cento dei Concessionari (stima AsConAuto).

Un successo è anche  la conferma che perviene dal conto economico  del  primo semestre del 2019 che vede  consolidare il risultato economico  dei consorzi aderenti alla rete  a oltre  288 milioni di euro con una crescita del +5,66  sull’anno precedente, a dimostrazione di una confortante situazione di sviluppo del sistema AsConAuto, nonostante i forti segnali negativi che hanno contraddistinto l’inizio d’anno e il mercato domestico dell’automotive, anche per la mancata chiarezza  delle nuove norme.

Fabrizio Guidi, presidente AsConAuto
Fabrizio Guidi, presidente AsConAuto

“AsConAuto promuove da sempre lo sviluppo di servizi originali, utilizzando in modo innovativo le nuove tecnologie rese disponibili. Le nostre strutture sapranno sopravvivere soltanto se saranno dinamiche e flessibili per gestire il turbinoso  cambiamento  che contraddistingue il nostro mercato, ormai globale, facendo uso di strumenti originali e  delle tecnologie per  produrre una  diminuzione  e ottimizzazione di costi e processi e se saremo capaci  di migliorare il contatto con il cliente,  fidelizzando la relazione nel tempo. Il ricambio originale resta un forte presidio che offre  una garanzia di sviluppo grazie alla qualità e alla sicurezza  riconosciuta  dalla clientela alla rete associativa per competenza, professionalità e livello di servizio. Le concessionarie moderne sanno bene che il futuro appartiene ai servizi che si basano su strumenti e tecniche innovative, tanto da definirli  irrinunciabili”. 

Rileva Fabrizio Guidi, presidente di AsConAuto – Associazione Consorzi Concessionari Auto.

E osserva: ”Anche  quest’anno, che si è rivelato in fase di avvio con una congiuntura assai pericolosa e  difficoltosa da affrontare, fornisce una  nuova conferma dello sviluppo in atto nella nostra rete in base  ai risultati economici associativi del primo semestre dell’anno che mantiene un livello di crescita a segno più: +5,66 per cento rispetto al 2018 e oltrepassa i 288 milioni di  euro  contabilizzati di volume  d’affari al mese di Giugno 2019″.

E ancora “La nostra rete ogni giorno offre al mercato  un servizio di reale assistenza e alta professionalità, in coerenza con le richieste di una clientela sempre più esigente e diversificata in una dinamica  di confronto e di dialogo ispirata  alla crescita del progetto comune: nel quale ognuno, in piena autonomia, può ritrovarsi a sviluppare il proprio business all’interno di un sistema in grado di coadiuvarlo e di assisterlo nel lavoro giornaliero. La quadra associativa degli imprenditori che guidano i consorzi della rete  rimane vincente grazie alla trasparenza dei comportamenti e alla indefessa ricerca di formule originali e innovative per recuperare marginalità economiche e potenziare il business, in un mercato globale difficile da decifrare e nel quale  tutti stanno cercando nuovi equilibri e alleanze”.

Ultima modifica: 2 luglio 2019