Renault Zoe, restyling della city car elettrica con 390 km di autonomia | VIDEO

587 0
587 0

La citycar elettrica francese si aggiorna, nuova Renault Zoe si presenta più efficiente. Con un’autonomia a batterie dichiarata, nel ciclo WLTP, di 390 km. Un range più che discreto, che se in condizioni reali dovesse calare anche di un 20% rimarrebbe più che accettabile per un uso urbano, o su strade provinciali.

2019 – Nouvelle Renault ZOE

Il prezzo del restyling di Zoe non è stato comunicato, il listino del modello uscente parte da 26.100 euro. La piccola elettrica arriverà sul mercato a fine 2019, con la possibilità di noleggiare le batterie.

E’ cambiato il cuore. Il motore elettrico R135 eroga una potenza di 135 cavalli e una coppia di 245 Nm, sempre disponibile. La velocità massima è di 140 km/h, l’accelerazione da 0 a 100 km/h è inferiore ai 10 secondi.

Accumulatori più efficienti

Le batterie hanno una capacità di 52 kWh, alzando l’autonomia ai 390 chilometri sopra citati. Con un wallbox da 7 kW servono 9 ore e mezza per fare il pieno. Da presa domestica normale, quasi 18 ore.

Dalle colonnine da 50 kW, in 30 minuti circa si può avere l’80% di ricarica. Durante la marcia con la modalità di guida B, che rende più potente i la frenata rigenerativa, si può guadagnare qualche chilometro.

Cambia il design, con nuovo paraurti , inediti cofano e fari a led anteriori e posteriori. Zoe si mostra più aggressiva, grazie anche alla losanga Renault più grande sulla calandra. Al solito, sotto al logo è posizionata la presa di ricarica.

L’abitacolo presenta materiali più morbidi ed ecocompatibili. Valorizzato da una strumentazione digitale e ovviamente anche dall schermo in plancia. Che offrono tutte le informazioni e gli aggiornamenti sulla marcia elettrica.

I sistemi di assistenza dalla guida (Adas) permettono di accedere al livello 2 di guida autonoma, con assistenza del manteniamo corsia, la frenata automatica d’emergenze, il riconoscimento degli angoli bui e la frenata automatica di emergenza.

Ultima modifica: 18 giugno 2019

In questo articolo