Nuova Clio e più servizi al cliente, così Renault rilancia la sua sfida

965 0
965 0

Un presidente manager di 43 anni, Xavier Martinet, la nuova Clio nel cassetto e un’attenzione totale per le esigenze del cliente. Così Renault Italia rilancia la sua sfida in un mercato che la vede al quarto posto assoluto con una quota che sfiora il 10%.

In un 2018 che si è chiuso con un saldo negativo (-3,1%) il marchio francese, che fa parte dell’alleanza a tre con Nissan e Mitsubishi, lucida le proprie medaglie con orgoglio.

La sua auto-icona, Clio, resiste al passare del tempo. Nel quarto anno di vita ha venduto oltre 52 mila unità ed è la straniera più acquistata sul mercato italiano. Il design aggressivo, la collocazione nel segmento B e la varietà delle motorizzazioni (con un 25% di gpl) sono il segreto di una vettura vincente che al prossimo Salone di Ginevra vedrà nascere l’atteso modello 2019.

Renault Clio GPL turbo, il test su strada. Più prestazioni, meno consumi
Renault Clio, l’auto straniera più venduta in Italia nel 2018

Molto bene anche Captur che con oltre 29 mila unità è il Suv straniero più venduto nel segmento e le sorelle maggiori Scenic e Kadjar che insieme assommano 22.000 auto vendute. Conferma la sua ascesa anche il marchio ’popolare’ Dacia con la Sandero a quota 29.000. E la nuova Duster che stabilisce il suo record di vendita dal 2010 con 27 mila unità.

Ma come si affaccia Renault al nuovo anno dopo lo scossone al vertice che ha colpito il grande capo Ghosn? «Supereremo questo delicato momento – commenta Martinet – e credo che l’alleanza Renault-Nissan resisterà nel tempo. Questa è la cosa più importante. Perché ormai siamo da anni un gruppo solidissimo e unito».

Xavier Martinet, Direttore Generale di Renault Italia
Xavier Martinet, Direttore Generale di Renault Italia

Dai grandi disegni alle strategie italiane

«Per mantenere la quota di mercato e rafforzare l’immagine di Renault il nostro piano si articola in quattro punti. 1) mettere il cliente al centro. 2) ampliare l’offerta di servizi. 3) innovare il business con l’uso delle tecnologie. 4) costruire la mobilità del futuro. Dando sempre più spazio a ibrido ed elettrico con particolare attenzione al car-sharing e al noleggio ai privati. Per farlo ci aiuteremo con due pilastri della nostra organizzazione Renault. La RCI Bank e la RRG che coordina l’attività di vendita e di rapporto con i clienti nei tre centri principali di Milano, Roma e Napoli».

In concreto Renault rafforzerà la sua piattaforma online per il dialogo diretto con il cliente e un più puntuale controllo qualità. Offrirà un’assistenza speciale, denominata pit-stop, per i veicoli usati, creerà offerte assicurative su misura, rilevando con sensori apposti nelle auto le caratteristiche di guida del cliente, creerà un’applicazione per seguire l’inter di un incidente dal momento del sinistro fino alla riparazione finale. E in tema di elettrico, fari puntati sugli imminenti incentivi per lanciare Zoe sempre più in alto.

Giuseppe Tassi

Renault Zoe
Renault Zoe

Ultima modifica: 12 gennaio 2019