Volkswagen proporrà il noleggio dei suoi veicoli elettrici usati: le batterie sono preziose

181 0
181 0

Volkswagen ha intenzione di mantenere il controllo, nel prossimo futuro, sulle batterie dei suoi modelli di auto elettriche usate. Lo ha spiegato lo stesso Herbert Diess, CEO del Gruppo Volkswagen, parlando ai giornalisti durante lo IAA Mobility di Monaco. Secondo il numero uno dell’azienda tedesca, i contratti di leasing e di noleggio secondari (sull’usato, appunto) permetteranno a Volkswagen di riciclare il maggior numero dei preziosi pacchi batteria, componenti che più di altre nei veicoli elettrici riescono a mantenere un alto valore di mercato, anche dopo un lungo utilizzo.

“In Europa, stiamo cercando di realizzare secondi e anche terzi contratti di leasing, così da tenere le auto nelle nostre mani”, ha detto Diess ai giornalisti e ha continuato spiegando che “La durata della batteria pensiamo che oggi sia di circa mille cicli di ricarica e di circa 350mila chilometri, o qualcosa del genere. Quindi la batteria probabilmente può vivere più a lungo dell’auto su cui è montata, e vogliamo evitare di perderla”.

Leggi anche: Riciclo batterie auto elettriche, nuovo regolamento UE

Il mercato dell’auto elettrica è ancora giovane e i modelli usati sono troppo pochi per poter avere dati precisi sul loro valore economico secondario. Ma, come spiega ancora Diess, “Esiste già un’indicazione che i valori residui per le auto elettriche potrebbero essere più alti rispetto a quello delle auto a combustione interna, perché, anche se il veicolo è completamente inutile, ha ancora una batteria che potrebbe avere il 70 o l’80% di capacità di stoccaggio”.

Volkswagen si è già mossa per tempo. Scott Keogh, CEO di Volkswagen America, ha spiegato che da quando è sbarcata negli Stati Uniti, a marzo, la Volkswagen ID.4 è stata per l’80% acquistata dai clienti tramite contratti di leasing. “Avremo presto un secondo modello in leasing, l’abbiamo già pianificato”, ha continuato Keogh (parlando sempre del mercato statunitense), il quale ha anche aggiunto che l’idea è quella di lasciare i veicoli nelle mani dei clienti per un massimo di otto anni (fra primo e secondo leasing), per poi ritirarli e conservare la sola batteria, da riconvertire (e vendere) per altri scopi. Il resto del veicolo verrà invece smantellato e riciclato.

Ultima modifica: 8 settembre 2021