Volkswagen installerà 2.800 colonnine di ricarica per auto elettriche negli USA

815 0
815 0

Attraverso la società controllata Electrify America, Volkswagen vuole compiere un’importante mossa green negli Stati Uniti. Ha infatti in programma di costruire entro giugno 2019 oltre 2.800 stazioni di ricarica per auto elettriche su tutto il territorio americano.

UN RISCATTO DAL DIESELGATE

Si tratta di un investimento di circa 2 miliardi di dollari, che rientra nel piano di accordi raggiunti da Volkswagen con il governo degli Stati Uniti dopo lo scandalo dieselgate, già costato alla società tedesca 30 miliardi di dollari.

DOVE VERRANNO INSTALLATE LE STAZIONI DI RICARICA?

Le stazioni di ricarica, di livello 2 (ricarica con 230V a 32A, con potenza massima di 7,5 kW), verranno installate in circa 500 siti sparsi nelle 17 maggiori aree metropolitane statunitensi. La loro distribuzione prevede che il 75% sia realizzato presso luoghi di lavoro (uffici, fabbriche, centri commerciali), mentre il resto in condomini e zone residenziali. La ragione è semplice: siccome non sono stazioni di ricarica rapida, e dunque permettono solo ricariche che possono durare diverse ore, l’idea è quella di collocarle in luoghi dove le auto rimangono parcheggiate durante le ore di lavoro o mentre gli utenti sono a casa. In questo modo è possibile creare un’infrastruttura più o meno capillare ed efficiente con un investimento non eccessivamente elevato.

Parlando del progetto, l’amministratore delegato di Electrify America Mark McNabb, affermato che l’intenzione è quella di provare a rendere più conveniente il possesso di un’auto elettrica. “Uno dei maggiori ostacoli all’adozione di massa di auto elettriche” ha spiegato “è l’accesso alla ricarica. Avere stazioni di ricarica nei luoghi dove le persone lavorano – e vivono – aiuterà a considerare gli EV come veicoli principali”.

Ultima modifica: 19 dicembre 2017