Volkswagen e-Crafter, il van a emissioni zero

2964 0
2964 0

Il nuovo e-Crafter è sinonimo di modernità: non producendo alcuna emissione, è idoneo a tutte le green-zones in ogni Paese del mondo. L’e-Crafter non è interessato, né lo sarà nel lungo periodo, dai divieti d’accesso in determinate aree urbane, come per esempio i quartieri centrali di Amburgo o Parigi. Tali divieti vigono per gli autoveicoli a seconda del tipo di motorizzazione e della classe di emissioni di sostanze nocive. In questo contesto è importante ricordare che, ancor prima del suo lancio sul mercato, il nuovo e-Crafter ha ottenuto lo “European Transport Award for Sustainability 2018” nella categoria “Veicoli Commerciali e Furgoni per Consegne”.

Volkswagen e-Crafter, il van a emissioni zero 4

La sua autonomia corrisponde alle distanze effettivamente percorse nell’utilizzo quotidiano

L’e-Crafter è stato sviluppato per tutte le aziende che operano in aree urbane: corrieri espressi, aziende di logistica chiamate a coprire “l’ultimo miglio”, artigiani, commercianti al dettaglio, aziende di fornitura elettrica. Con un’autonomia massima di 173 chilometri (secondo il metodo NEDC) e una velocità massima di 90 km/h, l’e-Crafter soddisfa le reali esigenze dell’impiego quotidiano di un furgone all’interno di un’area urbana.

Un’analisi approfondita dei modelli e dei trend di mobilità hanno offerto una solida base per questa configurazione: ancor prima di iniziare lo sviluppo dell’e-Crafter, Volkswagen Veicoli Commerciali aveva analizzato più di 1.500 Clienti e oltre 210.000 profili di guida. È stato così rilevato che la maggior parte degli utilizzatori di furgoni percorre con il proprio veicolo tra 70 e 100 chilometri al giorno. Volkswagen Veicoli Commerciali ha concepito il nuovo e-Crafter proprio per queste distanze, che includono spesso numerosi arresti e ripartenze. Conseguentemente, nella fase di sviluppo dell’e-Crafter, l’attenzione dei progettisti non si è concentrata sull’autonomia massima possibile, bensì sull’autonomia necessaria nell’utilizzo lavorativo quotidiano. Come tutti i Crafter, il telaio del nuovo modello verrà prodotto nello stabilimento di Września (Polonia). L’assemblaggio finale dei componenti elettrici verrà effettuato nello stabilimento principale di Volkswagen Veicoli Commerciali ad Hannover.

Il furgone a emissioni zero si basa sulla seconda generazione di Crafter

L’e-Crafter è stato sviluppato parallelamente ai modelli con motori Diesel Euro 6 (TDI). Ciò ha comportato vantaggi decisivi: l’e-Crafter non è stato sviluppato a posteriori mediante una trasformazione in retrofit, ma è stato concepito fin dall’inizio come furgone a emissioni zero sulla base della seconda generazione di Crafter. In questo modo, Volkswagen Veicoli Commerciali ha potuto sfruttare in modo ottimale l’architettura del veicolo per l’integrazione dei componenti della trazione elettrica. La batteria agli ioni di litio, per esempio, viene alloggiata nel sottoscocca dell’e-Crafter a fronte di un minimo ingombro. Conseguentemente è possibile sfruttare appieno la capacità di carico del furgone a tetto alto (altezza 2.590 mm), pari a 10,7 m3. Lo stesso vale per altre importanti misure, quali la larghezza (1.380 mm) e l’altezza di carico (1.861 mm). Il carico utile massimo è compreso tra 0,975 e 1,72 tonnellate a seconda della configurazione scelta.

Motore elettrico, cambio e differenziale formano un modulo compatto

Nella parte anteriore dell’e-Crafter è integrato il motore elettrico – un motore sincrono del tipo EEM85 che, come menzionato, mette a disposizione una potenza di picco di 136 CV (100 kW). La coppia massima è di 290 Nm. La potenza viene trasmessa all’asse anteriore tramite un cambio automatico a 1 rapporto (EQ 290) concepito specificamente per i veicoli commerciali. Motore, cambio e differenziale formano un modulo compatto. Questa unità viene costruita nello stabilimento di Kassel. Tra gli altri elementi tecnici del sistema di trazione figurano la centralina motore e l’elettronica di potenza. Quest’ultima gestisce il flusso di energia ad alta tensione fra il motore elettrico e la batteria. La corrente continua (DC), accumulata nella batteria agli ioni di litio, viene trasformata dall’elettronica di potenza in corrente alternata (AC). Contestualmente, un convertitore DC/DC produce la tensione a 12 V per la rete di bordo.

Il motore elettrico dalla coppia elevata è ideale per il Crafter

I motori elettrici possono erogare la loro coppia massima immediatamente dalla partenza. Ciò consente all’e-Crafter prestazioni di marcia straordinarie. Anche in quartieri quali il Treppenviertel (letteralmente: quartiere a scale) di Amburgo o il Montmartre di Parigi, l’e-Crafter è perfettamente a suo agio sulle ripide strade delle città, grazie alla sua capacità di gestire una pendenza del 20%. Allo stesso tempo il furgone a emissioni zero è molto efficiente nel consumo di energia: con 0,975 tonnellate di carico utile, il consumo di corrente elettrica nel ciclo combinato si limita a 21,54 kW/100 km.

Con stazioni di carica CCS, la batteria si ricarica fino all’80% in 45 minuti

Utilizzando una stazione di carica CCS a 40 kW (corrente continua), la batteria (capacità 35,8 kWh) è nuovamente carica all’80% in soli 45 minuti. CCS è l’acronimo del sistema internazionale standardizzato Combined Charging System –un sistema a corrente continua- utilizzabile per la carica dell’e-Crafter. Utilizzando una wallbox AC da 7,2 kW (corrente alternata), la batteria viene ricaricata al 100% in 5h 20’; ciò avviene di norma durante la notte, negli spazi della relativa azienda.

Innovativi sistemi di assistenza, comfort e infotainment

Come accennato, il nuovo e-Crafter si basa sulla seconda generazione del modello introdotto sul mercato nel 2017. Innovativo dal punto di vista tecnico e accattivante sotto il profilo estetico, anche nel 2018 il Crafter si conferma un modello di successo: solo tra Gennaio e Giugno, Volkswagen Veicoli Commerciali ha registrato un aumento delle consegne pari al 24,5%, per un totale di 26.800 veicoli.

L’e-Crafter verrà offerto con i più moderni sistemi di assistenza, comfort e infotainment. La dotazione di serie comprende: ParkPilot con sistema di protezione delle fiancate – grazie a 16 sensori a ultrasuoni collocati sull’intero perimetro del veicolo – che riduce il rischio di danneggiare il Crafter o altri veicoli durante l’effettuazione di manovre in spazi angusti, telecamera multifunzione (anteriore) e una telecamera per la retromarcia. Inoltre il Crafter è il primo veicolo commerciale della sua categoria dotato di serie di sistema di frenata anti collisione multipla. Sempre di serie, il sistema di compensazione delle raffiche di vento laterali. Tra gli altri equipaggiamenti di serie del nuovo e-Crafter figurano dotazioni quali fari con tecnologia LED (per anabbaglianti, abbaglianti e luci diurne), climatizzatore automatico (Climatronic), riscaldamento dei sedili, sedili comfort e sistema di navigazione “Discover Media” comprensivo di “App Connect” (integrazione delle App dello smartphone), sistema di comando vocale e interfaccia per telefono cellulare.

A richiesta, mediante “Car-Net Guide & Inform” è possibile usufruire dei servizi online mobili.

Un veicolo testato nell’utilizzo quotidiano da professionisti di tutta Europa

Volkswagen Veicoli Commerciali ha coinvolto nello sviluppo del moderno furgone numerosi Grandi Clienti europei. Le esperienze e i suggerimenti dei gestori di flotte di veicoli sono stati analizzati, al fine di rendere perfettamente idonea al lavoro quotidiano la versione di serie dell’e-Crafter che viene oggi presentata. Più in particolare, hanno partecipato alla sperimentazione finale dell’e-Crafter 25 aziende della Germania, dei Paesi Bassi, della Gran Bretagna e della Svezia. Queste aziende hanno integrato nel loro parco una flotta di 38 veicoli preserie. Il furgone a emissioni zero ha superato la sperimentazione sul campo con straordinaria maestria.

Anche in condizioni particolarmente difficili, infatti, l’e-Crafter ha raggiunto una distanza media di 100 km nell’utilizzo quotidiano. Altri feedback esemplificativi provengono dal settore dei corrieri e della logistica: oltre all’autonomia, alla maneggevolezza e allo spazio di stivaggio, è stata apprezzata la capacità di carico e l’accelerazione dell’e-Crafter.

Le aziende hanno inoltre elogiato l’eccellente comfort di marcia, la buona tenuta di strada, la comodità e la semplicità della guida del furgone.

Ultima modifica: 7 settembre 2018

In questo articolo