Vazirani Shul, a Goodwood la prima supercar elettrica indiana

238 0
238 0

Vazirani Shul, ecco la prima supercar elettrica indiana. La vettura è stata presentata al Festival di Goodwood. L’evento inglese è sempre un’occasione speciale per costruttori sconosciuti di farsi notare. La Shul è spinta da quattro motori elettrici alimentati da una piccola turbina jet. Un drivetrain che il boss Chunky Vazirani sostiene sia progettato per “puristi e appassionati”.

I motori a turbina possono funzionare con ogni combustibile liquido, ma quello della Shul è alimentato da benzina tradizionale. I quattro motori elettrici sono piazzati uno su ogni ruota. Grazie al telaio in fibra di carbonio, il peso della vettura è decisamente contenuto. Inoltre, la turbina permette di utilizzare batterie più piccole e leggere. Il pacchetto, infatti, pesa solamente 300 kg.

Le nostre batterie pesano appena 300 kg e hanno il vantaggio di caricarsi durante la marcia”, dice Vazirani. “La batteria è proprio dietro il passeggero e occupa anche un po’ di spazio attraverso il tunnel centrale. In questo modo, l’auto ha anche un’ottima distribuzione dei pesi”.

Dati tecnici sull’autonomia e, soprattutto, sulle prestazioni non sono state fornite. Non è questo, a differenza di ciò a cui il mercato ci ha abituato, che interessa alla Vazirani. “Non siamo interessati a battagliare sui tempi dell’accelerazione 0-100 km/h. Noi ci concentriamo sulla guidabilità”.

Ultima modifica: 13 luglio 2018