Tesla Model 3 emette più CO2 di una Mercedes Classe C Diesel? Botta e risposta

702 0
702 0

Un’auto elettrica emette più CO2 di una vettura con motore Diesel? La questione è dibattuta, non pare esserci un dominatore in questa sfida a distanza. E’ opinione largamente diffusa che le automobili a batteria non siano nocive, ma la questione è più complicata.

Tesla Model 3

Le emissioni di CO2 riguardano una questione più ampia. Il magazine francese Autoplus, dopo aver elaborato uno studio dell’ente di ricerca indipendente tedesco IFO, sostiene che in Germania una Tesla Model 3 emetta più anidride carbonica rispetto alla pariclasse Mercedes Classe C 220 Diesel.

Leggi anche: Cybertruck, le novità del pick-up di Tesla

Per avere un quadro più ampio occorre stabilire la fonte di energia che alimenta le batterie. In Germania la produzione di energia elettrica è generata al 52,6% da combustibili fossili (anche il carbone) e i 35,6% da fonti rinnovabili.

Ciò, secondo IFO, o porterebbe le emissioni di CO2 di Tesla Model fra 156 e 181 g/km rispetto ai 141 g/km di una Mercedes ClasseC 220 Diesel.

Mercedes Classe C 220 d
Mercedes Classe C 220 d

Il nodo di produzione e smaltimento batterie

Questo calcolando un fattore medio di emissione di CO2 di 0,55 kg/kWh. Quindi con un consumo di 15 kWh per percorrere 100 chilometri si arrivare a 83 g/km di CO2. Ai quali però bisogna aggiungere da 73 e 98 g/km di CO2 per la produzione e lo smaltimento delle batterie.

Oltre questo andrebbero considerate anche le polveri sottili, che sono prodotte per il 50% dall’usura dei pneumatici, dall’uso dei freni e dall’asfalto. Che, ci risulta, siano presenti su tutte le tipologie di automobile.

La conclusione di IFO è quella che attualmente le vetture a metano siano una alternativa reale, molto meno impattante per CO2 di auto elettriche, Diesel e benzina. Ma la rete è davvero poco diffusa a livello europeo, a parte alcune regioni in Italia.

Ma c’è un’ altra faccia della medaglia. 

Leggi anche: Charged replica alla ricerca di IFO e documenta l’efficacia delle auto a batteria

Ultima modifica: 11 dicembre 2019