Sol Motors Pocket Rocket: l’anello fra e-bike e moto elettrica

1974 0
1974 0

È difficile da catalogare: non è una e-bike perché è troppo veloce e potente, ma a guardarla non si può nemmeno considerare una moto elettrica, viste le dimensioni. La Pocket Rocket (nomen omen) dell’azienda di Stoccarda Sol Motors potrebbe inaugurare una nuova categoria di veicoli a due ruote e a zero emissioni dedicati al trasporto urbano.

Leggi anche: Italian Volt Lacama for The Reunion: la moto elettrica da 40 mila euro

È un veicolo dall’aspetto eccentrico e dimensioni ridotte, semplice nello stile ma allo stesso tempo qualcosa di mai visto. Spicca il suo “serbatoio” centrale, in sostanza un grosso tubo che contiene la batteria. Davanti ha una luce tonda e dietro un anello rosso. È come essere seduti su una sorta di missile con una piccola sella. Il telaio triangolare è formato da un semplice pezzo di tubo metallico ripiegato. Il quadro è completato dalle due forcelle a doppio ammortizzatore, funzionali ed eleganti.

Della Pocket Rocket sono disponibili due versioni, una con motore da 6 cavalli (4,5 kW) in grado di raggiungere i 50 km/h e l’altra con propulsore da 8,5 cavalli (6,3 kW) per una velocità massima di 80 km/h. Il peso è contenuto: appena 55 chili. L’autonomia promessa varia dai 50 agli 80 chilometri con una ricarica in base alla modalità di guida (Wheelie, Eco e Sport): poca roba, ma più che sufficiente per l’utilizzo urbano.

Leggi anche: Bultaco Albero, la moto bicicletta elettrica che conquista la città

Per guidare la Pocket Rocket è necessario avere la patente A1 o B, dato che si parte da una potenza di 4,5 kW. Il lancio sul mercato non è ancora stato fatto, ma si è già stabilito il listino: 5.200 euro per la versione base e 6.500 per quella da 6,3 kW.

Ultima modifica: 9 ottobre 2018

In questo articolo