Renault e Parigi insieme per la mobilità elettrica

233 0
233 0

Parigi e il Gruppo Renault annunciano la loro intenzione di condividere esperienza e competenze per sviluppare la mobilità elettrica per i parigini, gli abitanti dell’Ile-de-France e i suoi visitatori. Questo progetto inedito dimostra che sussiste una visione condivisa sul futuro della mobilità, di fronte alle sfide della salute pubblica, degli scompensi climatici, di spostamenti più facilitati, dell’accessibilità e dell’attrattività economica.

Ciò si tradurrà in azioni a breve, medio e lungo termine, a favore dello sviluppo dei veicoli elettrici, connessi e autonomi. In un primo tempo, Renault ha deciso di sviluppare progressivamente un’offerta commerciale di mobilità elettrica per i parigini, gli abitanti dell’Ile-de-France e i visitatori, a partire dal mese di settembre 2018.

Un’offerta di veicoli elettrici con conducente tramite Marcel del Gruppo Renault; un’offerta di veicoli elettrici in car sharing accessibili in modalità self-service 24/7 e senza stazioni; un’offerta di veicoli elettrici in reti di car sharing, per percorsi più lunghi, accessibili in modalità self-service 24/7 a partire dai parcheggi Renault o dei partner.

Quest’offerta sarà basata sulla gamma al 100% elettrica Renault: Zoe, Twizy, Kangoo Z.E e Master Z.E.  Entro la fine del 2019 sarà disponibile una flotta di 2.000 veicoli elettrici. In un secondo tempo, la Città di Parigi e Renault desiderano lanciare un gruppo di lavoro aperto che metta insieme metropoli e aziende. Lo scopo sarà quello di pensare collettivamente come integrare nella città gli sviluppi della mobilità.

Questa iniziativa mondiale per le mobilità sostenibili sarà uno spazio di dialogo, scambio di esperienze, sperimentazione e accelerazione dello sviluppo dei nuovi servizi di mobilità, con grande attenzione alle aspettative e agli utilizzi dei cittadini. Si baserà soprattutto sulle competenze del network C40, che riunisce un centinaio di metropoli di tutto il mondo e che è attualmente presieduto da Anne Hidalgo.

Ultima modifica: 5 luglio 2018