Renault all’attacco nel mercato cinese dell’auto elettrica

536 0
536 0

Mentre conferma la fiducia al proprio presidente e CEO Carlos Ghosn, finito nei guai in Giappone con Nissan (qui tutta la storia), Renault compie una mossa d’attacco nel mercato delle auto elettriche in Cina. Il gruppo francese ha infatti annunciato di avere stretto un accordo con l’azienda cinese JMCG per acquistare parte della sua controllata JMEV, società che si occupa esclusivamente di veicoli elettrici.

Si tratta di un’operazione ancora da confermare: è atteso infatti il via libera da parte delle autorità della Repubblica Popolare, che dovrebbe arrivare nei primi mesi del 2019. Ma intanto è da notare l’importanza di questa mossa a livello strategico.

Qualche numero per comprendere: la JMEV è stata creata dalla JMCG nel 2015, con l’obiettivo di produrre e vendere esclusivamente auto elettriche nel grande mercato cinese. Nel solo 2017 è riuscita a mettere in circolazione in patria 38mila veicoli a zero emissioni, su un totale complessivo nazionale di oltre 400mila. I piani di JMEV prevedono di chiudere il 2018 con 50mila unità vendute.

Per Renault, dunque, che intende prendere parte a questa espansione, significa provare ad aumentare la propria presenza nel mercato asiatico, attualmente il più importante nel panorama della mobilità elettrica, accompagnandosi a un partner particolarmente convincente.

Ultima modifica: 20 dicembre 2018